Poste, online ‘Piccoli Comuni’

Roma, 16 apr. – (AdnKronos) – E’ consultabile da oggi all’indirizzo il nuovo portale web che aggiorna in tempo reale gli obiettivi del programma realizzato nelle migliaia di Comuni con meno di 5.000 abitanti, invitati da Poste Italiane all’incontro dell’Ad Matteo Del Fante con i “Sindaci d’Italia” del 26 novembre scorso.

Accanto alla conferma dell’impegno a non chiudere alcun Ufficio Postale nei Comuni con meno di 5.000 abitanti, il nuovo portale elenca già oggi l’installazione di 102 nuovi Atm Postamat in altrettanti Comuni, di 1.817 nuove cassette postali in 1.278 Comuni, di 1.304 spot WI-FI in 1.211 Comuni, di 938 impianti di videosorveglianza in 477 Comuni, oltre all’abbattimento di 157 barriere architettoniche in 151 Comuni, nonché la creazione di un ufficio centrale dedicato al dialogo con i piccoli Comuni.

“Il nostro impegno concreto e tangibile a favore delle comunità dei piccoli Comuni – ha detto l’Amministratore Delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante – conferma il ruolo strategico della capillarità della nostra rete al servizio dei cittadini, del tessuto imprenditoriale e degli amministratori locali. Nell’incontro del novembre scorso avevamo promesso maggiore efficienza nei nostri 12.800 uffici postali presso i quali accogliamo ogni giorno 1,5 milioni di persone: con il portale dedicato a questo progetto vogliamo dare conto, giorno dopo giorno, in modo trasparente e immediato della realizzazione dei nostri obiettivi e delle nostre promesse”.

“A pochi mesi di distanza dal nostro incontro con l’Italia dei piccoli Comuni – ha detto il vicedirettore generale di Poste Italiane, Giuseppe Lasco – abbiamo voluto dare un segno visibile della nostra vicinanza al territorio e della nostra sensibilità per le istanze locali. L’iniziativa è coerente con l’attenzione che da sempre l’Azienda riserva alle comunità e alle aree meno densamente popolate”.

Il nuovo sito ospita una prima sezione dedicata ai “dati in evidenza”, contenente i più importanti dati aggregati per ciascun impegno soddisfatto, e periodicamente aggiornata con l’avanzamento del programma; una seconda sezione riepiloga gli “impegni in dettaglio”, con una panoramica su tutte le iniziative che compongono il programma; una terza sezione “cerca Comune”, offre invece la possibilità di visualizzare gli impegni realizzati per ciascuno delle migliaia dei piccoli Comuni: basta digitare il nome del Comune e in tempo reale appare l’aggiornamento. E’ infine presente una quarta sezione di “news”, che raccoglie una rassegna multimediale delle notizie principali dedicate al progetto.

Il portale misura la realizzazione concreta del Programma in dieci punti nato dal dialogo diretto e permanente che Poste Italiane ha voluto avviare con il territorio e culminato nell’incontro dell’autunno scorso svolto alla presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, del Ministro dell’Interno e Vice Presidente del Consiglio, Matteo Salvini, del Ministro per la Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno e del Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, in collaborazione con Anci e Uncem.

Tra i progetti realizzati, Poste Italiane ha reso disponibile in comodato d’uso gratuito all’amministrazione comunale di Lampedusa il piano terra dell’immobile di Via Vittorio Emanuele per la realizzazione di alcuni uffici amministrativi. Poste, in coerenza con la sua missione sociale, infatti, ha individuato alcune aree e alcuni immobili di proprietà, con l’intento di offrirli ad uso gratuito alle comunità locali.

Poste Italiane inoltre ha installato il primo sportello automatico ATM Postamat dell’ufficio postale di via Manubiola,3 nella frazione Ghiare appartenente al comune di Berceto (Parma), presso il quale risiedono circa 2000 abitanti. Disponibile sette giorni su sette ed in funzione 24 ore su 24, il Postamat consente di effettuare operazioni di prelievo di denaro contante, interrogazioni su saldo e lista dei movimenti, ricariche telefoniche e di carte Postepay, accanto al pagamento delle principali utenze e dei bollettini di conto corrente postale.

L’ufficio postale di Lentiai nel bellunese, invece, vestirà nuovi colori: le sue pareti esterne saranno dipinte con un murale, ideato e realizzato per Poste Italiane dallo street artist ETNIK.L’opera dal titolo ‘Connectivity’ è espressione di ciò che gli uffici postali rappresentano sul territorio in termini di coesione sociale, modernità, rivoluzione digitale e innovazione; tali elementi definiscono pienamente gli obiettivi della seconda fase del progetto ‘Paint – Poste e Artisti Insieme Nel Territorio’ di promozione della creatività dei giovani artisti e della loro produzione, rendendo gli uffici postali ancora più accoglienti e vicini alle comunità che li ospitano.

“Un’eccellente notizia che Anci e la Consulta nazionale dei piccoli Comuni salutano con favore, perché va verso la concretizzazione, in tempi ottimali, dell’impegno preso da Poste lo scorso novembre a Roma”. Così Massimo Castelli, coordinatore nazionale Anci dei piccoli Comuni, commenta il nuovo portale web di Poste Italiane dedicato ai piccoli Comuni. “Il fatto che un’azienda importante come Poste si stia impegnando a valorizzare il servizio postale nei piccoli Enti è il segno tangibile anche di quanto creda nella piccole realtà come volano dello sviluppo del Paese, come da sempre sostiene Anci. Abbiamo lavorato in modo serrato con Poste, mettendoci tutta la conoscenza del territorio e rappresentandone bisogni e necessità, elementi di cui le Poste stanno facendo tesoro” aggiunge Castelli, che auspica una sempre maggiore sinergia per connettere i territori anche grazie alla fibra e alle nuove tecnologie”.

“Siamo fiduciosi – conclude Castelli – che il rapporto di collaborazione con Poste sarà sempre più dinamico. Da parte nostra continuiamo a dare ogni supporto perché venga salvaguardato un servizio che è ritenuto a ragione indispensabile, un presidio dello Stato per la gran parte del Paese”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here