BENEVENTO: PROCESSO ‘MANI SULLA CITTA”, DAMIANO ‘FARO’ APPELLO, NON HO COMMESSO ABUSI’ 

“Sei anni di processo, 21 giorni di carcere, il dovermi dimettere da consigliere comunale e lasciare la politica: tutto per un abuso d’ufficio?”. E’ sarcastico il commento di
Aldo Damiano, uno dei quattro condannati nel processo “Mani sulla
città”. “Non riesco a spiegarmi questa sentenza,- ha dichiarato all’ADN KRONOS –  attenderò di leggere
le motivazioni. Sono soddisfatto perché sono stato assolto con formula
piena dai reati più infamanti, penso, ad esempio, alla corruzione
elettorale. Ma mi stupisce essere stato condannato a due anni per un
abuso d’ufficio attribuitomi perché avrei favorito una cooperativa di
tipo B senza aver effettuato la gara d’appalto.Cosa tra l’altro, che
la legge prevede. Chiaramente appelleremo la sentenza perché non ho
commesso alcun abuso e perché la sentenza mi ha lasciato l’amaro in
bocca”.

“Ma dopo tutto il clamore sollevato dall’inchiesta – conclude Damiano
-, che il processo si concluda con quattro condanne per abuso
d’ufficio deve portare ad interrogarsi sul modo di fare le indagini”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here