Europee, Alleanza Riformista Benevento: “Il vero sconfitto è il sindaco Mastella”

Un momento del voto per le elezioni amministrative nel seggio in Piazza del Collegio Romano, Roma, 05 giugno 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

E’ tempo di disamina politico contabile. Non c’è dubbio che il vero sconfitto in questa competizione elettorale per le europee sia il Sindaco p.t. Mastella. Al suo interno(lui e consorte) dovrà trovare giustificazione e dare giustificazione. Ovviamente ascriverà a se i voti riportati dalla Chiusolo, non riconoscendo alla medesima funzione alcuna nell’aver trovato consenso o capacità ad interloquire con l’elettorato. Il Sindaco p.t. deve far tesoro del verdetto della città che lo ha relegato al 4° posto nell’ambito delle forze politiche. E’ doveroso che il Sindaco p.t. si domandi in cosa abbia sbagliato. Noi gli diamo degli spunti: promesse elettorali non mantenute, superficialità nell’approcciare gli argomenti, ritenere scontati i cittadini di Benevento, aver dichiarato il dissesto, alcun obiettivo amministrativo raggiunto, inaugurazione di opere però ideate, progettate e aggiudicate da amministrazione precedente, alcuna strategia per il territorio, la città di Benevento relegata agli ultimi posti della classifica del Sole 24 oreQuesti solo alcuni temi. Lo sconforto amministrativo, e il conseguente risultato elettorale, in cui versa il comune di Benevento e la sua guida politica, lo si comprende anche nella mancata approvazione del bilancio consuntivo. Ricordiamo che con il dissesto finanziario vi è stata la nomina di una commissione liquidatrice a tutela dei creditori. E’ noto che alcun controllo, verifica, viene fatto rispetto alle attività della commissione liquidatoria. Alcuno verifica se il comune è adempiente rispetto alle procedure di dissesto ovvero provvede a rimettere le somme in favore della commissione. Alcuno verifica se il bilancio del comune di Benevento effettivamente abbia riportato un avanzo di amministrazione e se parte di quell’avanzo sia stato consegnato alla commissione liquidatrice. Alcuno verifica se i crediti vantati dal comune siano stati recuperati e il ricavato consegnato alla commissione liquidatoria o viceversa le somme sono state spese per rinfreschi o feste. Alcuno verifica se la Soget spa abbia incassato senza alcun mandato somme dei cittadini di Benevento o se la Andreani Tributi abbia posto eventuale rimedio rispetto ad incassi “improvvidi”. Ed ancora. La vicenda GESESA, organizzata, orchestrata e voluta dal Sindaco p.t. Mastella, di allungare il periodo di validità della concessione sino all’anno 2050 dovrebbe trovare spazio nella coscienza dei consiglieri comunali di maggioranza  e portarli a chiedersi le motivazioni di tale decisione calata dall’alto cui nessuno si è opposto. Qualcuno dovrebbe dare una risposta seria, concreta, circa l’affidamento della procedura di gara del depuratore ad un commissario di governo anziché dichiarare che i fondi erano stati persi. Questi alcuni fatti sui quali Mastella deve riflettere rispetto al flop elettorale. Va però dato atto al Sindaco p.t. Mastella che nella sua vita politica ha dovuto confrontarsi con statisti del calibro di Moro, Andreotti, De Mita ed oggi deve invece parlare con consiglieri senza…… nerbo. Ma a questi consiglieri dovrà spiegare le ragioni per cui il risultato delle elezioni europee non è stato foriero di aspettative e prospettive politiche (personali) e invitarli ancora una volta a seguirloVedremo…………….”

 Alleanza Riformista Benevento

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here