Fisco: Confapi Padova, i veneti dovranno pagare 4,9 mld di euro di imposte (2)

(AdnKronos) – “L’Italia continua a occupare posizioni di fondo classifica nella graduatoria del Paying Taxes della Banca mondiale-Pwc. L’ultima edizione del rapporto (del 2019, relativa al 2017), evidenzia come il total tax rate sia tornato a salire, assestandosi al 53,1%, rispetto al 48% dell’anno precedente. Per quanto riguarda poi il tempo necessario a una Pmi per svolgere alcuni adempimenti fiscali standard (calcolare e pagare l’imposta sulle società, l’Iva, le imposte sui salari e i contributi) siamo a 238 ore all’anno, lo stesso impiegato in Messico. Nell’Unione Europea soltanto Portogallo, Polonia, Ungheria e Bulgaria fanno peggio. Le incertezze interpretative complicano il quadro, rendendo il sistema simile a una giungla, come potrà confermare qualsiasi commercialista, costretto a barcamenarsi fra scadenze attese e possibili proroghe, spesso necessarie”, stigmatizza Valerio.

Ma quali sono le ragioni sottostanti? “Viene facile indicare un sistema che pretende dati a profusione dal contribuente rendendo il quadro fiscale farraginoso o ostile, come dimostra anche l’alto numero di contenziosi tributari. E poi sono da considerare i ritardi con cui l’amministrazione predispone gli strumenti indispensabili per mettere i contribuenti nella condizione di poter adempiere ai propri obblighi fiscali, basti pensare solo all’obbligo della fatturazione elettronica, introdotta a gennaio tra informazioni incomplete e istruzioni incerte. Chi ci governa continua a promettere soluzioni taumaturgiche, tra flat tax e nuovi condoni, ma di una vera semplificazione, oggi indispensabile come l’aria per respirare, non c’è traccia”, conclude.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here