L’Unione Nazionale Pro Loco assegna il marchio “Sagra di Qualità” a Baiano e a Buonalbergo

Foto Pro Loco Baiano e Pro Loco Buonalbergo.

Le Pro Loco campane di Baiano (Avellino) Pro Loco Baiano e di Buonalbergo (Benevento) Pro Loco Buonalbergo saranno premiate al Senato lunedì 22 luglio con le altre 19 Pro Loco, sparse dal Nord e al Sud dello Stivale, che si sono viste aggiudicare dall’UNPLI Pro Loco UNPLI il marchio Sagra di Qualità. Il marchio è stato fortemente voluto dall’Unione Nazionale delle Pro Loco, un anno addietro, per contraddistinguere le sagre rappresentative della storia e della tradizione, le manifestazioni che vantano un passato di legame con il territorio e che abbiano come obiettivo la promozione e creazione di sinergie con le attività economiche locali. Fra i requisiti necessari all’attribuzione del riconoscimento, la promozione degli operatori locali del settore enogastronomico e turistico (quali produttori, ristoratori, artigiani, albergatori) come attività economiche correlate alla cultura del cibo, la storicità di almeno 5 anni.
Tra questi eventi di eccellenza sono state riconosciute e premiate la Festa della Nocciola di Baiano e la Sagra del Ciammarrucchiello di Buonalbergo. La prima, che vede protagonista la gemma della Bassa Irpinia, la nocciola, i prossimi 13, 14 e 15 settembre raggiungerà la quota della ventiquattresima edizione, la seconda, in programma il14 agosto con la quarantaseiesima edizione, valorizza il simbolo di Buonalbergo e della Pro Loco, la lumachina – o il “ciammarrucchiello” – tradizionalmente raccolto nel mese di luglio e cucinato con la buona pasta fatta in casa.
“Negli anni le sagre hanno consentito di far scoprire varietà ed eccellenze locali e molti di questi eventi sono divenuti grandi attrattori turistici per il territorio” afferma il presidente dell’Unpli, Antonino La Spina. “Con il marchio “Sagra di qualità” intendiamo salvaguardare e promuovere quelle manifestazioni – prosegue – che spesso sono il mezzo per la riscoperta di saperi e usi legati alla lavorazione e trasformazione dei prodotti dell’enogastronomia”.
L’istituzione del marchio punta alla valorizzazione dei prodotti tipici (Doc, Dop, o inseriti nelle banche dati dei prodotti agroalimentari tradizionali regionali) e alla promozione del cibo e dei piatti tipici della cucina tradizionale e contadina. Attività che è stata riconosciuta anche dal protocollo siglato con il ministero delle Politiche agricole; al centro dell’azione dell’Unpli i prodotti tipici dei territori ed anche la tutela della cultura, del folklore, delle tradizioni, del turismo e dell’economia del territorio.
“Il marchio sottolinea l’impegno delle Pro Loco nel campo enogastronomico, nella realizzazione delle sagre, nella valorizzazione dei loro prodotti e nella riscoperta e rilancio delle tradizioni locali” aggiunge Sebastiano Sechi Sebastiano Sechi responsabile del dipartimento “Sagra di qualità” dell’Unpli.

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here