ARRESTATO SPACCIATORE CHE AVEVA APPENA SMERCIATO DUE DOSI DI EROINA A DUE TOSSICODIPEDENTI

A Benevento i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Benevento, a conclusione di un’attività finalizzata a contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti, nel corso degli opportuni servizi, hanno sorpreso ed arrestato in flagranza Mirko Polese, 27enne  Benevento, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di cocaina, già noto per i suoi precedenti specifici.

Nelle vicinanze di via Pertini, che costeggia il Terminal Bus di Benevento, dopo aver seguito i movimenti sospetti di due tossicodipendenti, alla ricerca della dose di stupefacente, i militari in abiti borghesi hanno individuato, alla guida di una bici elettrica, un pusher di questo centro conosciuto proprio per la sua attività di spacciatore. Gli stessi carabinieri sono intervenuti proprio nel mentre il 27enne stava cedendo due dosi di stupefacente, verosimilmente eroina, ai due acquirenti. Tale cessione non è sfuggita ai militari, tuttavia al momento del loro arrivo i due giovani riuscivano a gettare le dosi nella folta vegetazione dei giardini posti in quei pressi tanto che, nelle accurate ricerche non è stata rinvenuta.

Tutti e tre venivano condotti presso gli uffici di questo Comando Provinciale e, nel corso degli accertamenti i due acquirenti, tossicodipendenti della provincia di Avellino, ammettevano e confermavano l’acquisto della dose di eroina, dietro la cessione della somma di 40 euro, rinvenuta addosso allo spacciatore, poi sequestrata ritenuta provento dell’attività di spaccio.

Pertanto, il pusher dopo le formalità di rito è stato dichiarato in arresto perché ritenuto responsabile del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti  e quindi,  su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, veniva accompagnato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, mentre i due acquirenti sono stati segnalati alla Prefettura per uso personale di stupefacenti a scopo non terapeutico.

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here