M5S: “Partecipazione negata dal sindaco Mastella sulla sicurezza nelle scuole”

Il nuovo anno scolastico è ormai alle porte e, come di consuetudine dal suo insediamento, l’amministrazione Mastella, in ritardo su verifiche e  programmazione, procede per misure tampone all’insegna dell’emergenza.

Sugli enti proprietari di scuole ricadono obblighi di verifica strutturale in caso di collasso, ai sensi dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 2003. Questa normativa impone l’operazione di verifica a tutti gli edifici progettati con le normative in vigore prima del 1984, con priorità per quelle ubicate in zone sismiche 1 e 2. Tali verifiche, secondo questa normativa, dovevano già effettuarsi entro cinque anni a partire dal 2003, termine prorogato a marzo del 2013 e per le scuole al 31 dicembre 2018.

Le Pubbliche Amministrazioni sono obbligate a dare priorità a queste verifiche, inserendole nei piani annuali e triennali delle opere pubbliche.

La Giunta Mastella, nei suoi primi due anni di vita lenta, ha preferito rimanere in surplacesul tema dell’emergenza Scuole, rinunciando,tra l’altro, a partecipare all’invitante Bando MIUR 2017 da 350 milioni di euro destinati ad interventi prioritari di messa in sicurezza, adeguamento e miglioramento sismico degli edifici scolastici di Campania, Puglia, Calabria e Basilicata, i cui termini furono prorogati al 12 febbraio 2018.

Percepita finalmente l’entità del tempo perduto, ha accelerato su verifiche (all’attualità non ancora completate), progetti (non tutti pronti) e richiesta fondi dedicati, non solo nazionali ma anche regionali, raccontati sulla stampa come frutto di peculiare capacità operativa.

Ma le cattive notizie non si possono occultare..

È il caso della decisione, adottata il 5 agosto scorso e diffusa dagli organi di informazione, di chiudere il plesso Pacevecchia dell’Istituto Comprensivo “Federico Torre”, risultato non conforme alla normativa relativa ai carichi verticali ed a quella sismica.

Apprendiamo che si individuano possibili soluzioni per ospitare gli alunni sfrattati dal plesso scolastico Pacevecchia.

Nel mentre, non ci è dato conoscere ancora ufficialmente gli esiti delle verifiche di vulnerabilità sismica delle altre scuole di competenza comunale. Dagli organi di stampa di fiducia del sindaco, risulta che sono stati conclusi di recente i controlli per 14 delle 19 scuole: è davvero mortificante che il dovere istituzionale della condivisone su un tema così sensibile continui ad essere completamente ignorato, sia nei confronti dei consiglieri comunali che dell’intera cittadinanza.

Ed allora, chiediamo con forza di sapere quale sia realmente lo stato di salute di ogni scuola in termini di sicurezza e se sia stato predisposto un piano di ricollocazione degli alunni frequentanti gli edifici scolatici risultati più a rischio.

Intanto, ricordiamo il dossier sulla sicurezza delle scuole del MoVimento 5 Stelleinviato al Prefetto e la richiesta, condivisa anche dagli altri consiglieri della minoranza, di un consiglio comunale aperto, entrambi presentati circa un anno fa, senza alcun riscontro.

Chiediamo al Sindaco Mastella, una volta per tutte, di riferire al più presto al consiglio comunale ed alla popolazione per fare piena luce sulla sicurezza delle scuole  cittadine.

 

Marianna Farese   Anna Maria Mollica

Consigliere del M5S al Comune di Benevento

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here