L’annuncio di Mortaruolo: “La Regione Campania istituisce a Telese Terme una Casa Rifugio per le donne vittime di violenza”

«È di 199mila euro l’importo stanziato dalla Regione Campania per l’istituzione di una Casa Rifugio per le donne vittime di violenza nel Comune di Telese Terme. Si tratta di una delle tre realtà che il Decreto Dirigenziale istituisce in Regione Campania insieme a Sarno e Salerno per un finanziamento complessivo di 597.100,00 euro. È una notizia davvero molto importante che è la cifra della profonda attenzione della Regione Campania su questo tema perchè le Case Rifugio sono un tassello fondamentale per il sostegno per le donne, e i loro figli, che sono vittime di violenza. Ma è anche la riprova di un percorso di coerenza e serietà che come Regione Campania in questi anni abbiamo portato avanti su questi temi e nel rapporto con le comunità. Voglio infatti ricordare che in occasione dell’inaugurazione del Poliambulatorio di Telese Terme che si è tenuta il 1 agosto del 2017, insieme al Governatore della Campania Vincenzo De Luca e all’Assessore regionale alle Pari Opportunità Chiara Marciani, annunciammo al Sindaco e alla comunità telesina proprio l’istituzione di una Casa Rifugio per le donne vittime di violenza. Un intervento di grande qualità e civiltà. Sarà un luogo riservato nel quale si potranno trovare possibilità di interfaccia umana ma anche di supporto con professionisti e Forze dell’Ordine ai quali le donne vittime di violenza potranno rivolgersi per tutelare la propria sanità». Ad annunciarlo è il Consigliere regionale della Campania, on.le Erasmo Mortaruolo.

Aggiunge il Consigliere Mortaruolo: «Nel ringraziare il Presidente De Luca e l’Assessore Marciani per questo ulteriore impegno concreto in favore del Sannio, voglio cogliere quest’occasione per rivolgere un pubblico plauso alla dott.ssa Nadia Caragliano e con lei a tutta la Direzione Generale per le Politiche Sociali e Socio-Sanitarie della Regione Campania per il lavoro puntuale e qualificato portato avanti in questi anni. Abbiamo puntato a offrire maggiore supporto alle donne vittime di violenza e di tratta, un segnale concreto ai tanti casi di abusi e maltrattamenti contro le donne che si stanno susseguendo. E abbiamo fatto tutto il possibile per rafforzare i servizi di orientamento e formazione per le donne in difficoltà, sostenendo le donne nella progettazione del loro futuro attraverso la ricerca di un’occupazione che consentisse a ciascuna di trovare la propria emancipazione economica oltre che affettiva. Abbiamo scelto, come Regione Campania, di essere dalla parte delle donne maltrattate, accompagnandole in una fase fondamentale della loro esistenza, per offrire loro una concreta possibilità di ricostruirsi una vita, oltre all’ascolto, la protezione e la tutela».

«Ho trovato in terra sannita grande sensibilità su questa tematica – rileva l’Assessore Marciani – in particolare nella capacità di ricercare le giuste sinergie tra mondo della politica, delle istituzioni, delle Forze dell’Ordine, dell’associazionismo, dei cittadini per fare squadra nel contrasto alla violenza di genere. Ricordo ancora l’emozione con la quale con il Presidente De Luca e il Consigliere Mortaruolo annunciammo proprio a Telese Terme questo nostro impegno di istituire la Casa rifugio. Così come l’apprezzamento ricevuto dal Prefetto Franco Gabrielli in occasione della due giorni di mobilitazione sulle pari opportunità, dal titolo “Uniamo le forze” che come Regione Campania con il Consigliere Mortaruolo promuovemmo a Benevento in collaborazione la Questura e con l’Università del Sannio. “Abbiamo già individuato la struttura nel Comune di Telese Terme – raccontai in quella circostanza al Capo della Polizia, Prefetto Gabrielli – e nel giro di qualche mese la renderemo operativa colmando, così, una lacuna ancora presente in provincia di Benevento”. Oggi è dunque un giorno storico per il Sannio perchè mettiamo un tassello importante nel percorso virtuoso della legalità e del contrasto alla violenza di genere».

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here