Governo: Renzi, ‘avanti fino al 2023, contro povertà non contro ricchezza’

Roma, 1 set. (AdnKronos) – Per me questa legislatura va al 2023. Se ci arriverà questo governo dipenderà dalla qualità delle persone che ne faranno parte. Se i ministri saranno di livello durerà, se sarà una squadretta non durerà. Semplice, no?” Lo afferma Matteo Renzi, in un’intervista a ‘Il Sole 24 ore’.

“Quanto al mio ruolo: sono un senatore della Repubblica che conta per sé e per qualche altro amico. Nel mio curriculum -ricorda l’ex premier- c’è l’abbassamento dell’Irap e dell’Ires, Industria 4.0, gli 80 euro, la fatturazione elettronica, il Jobs act, l’eliminazione dell’Imu, il welfare aziendale, il sì alla Tav e al Tap. In questo curriculum non c’è posto per misure contro chi crea lavoro, contro chi produce ricchezza, contro chi ogni giorno rende l’Italia un Paese migliore”.

“Il mio messaggio a chi produce è chiaro: non avete nulla da temere da un governo che nasce per evitare l’aumento dell’Iva, che abbassa lo spread e che riporta l’Italia nell’Europa che conta. Nulla da temere. Nessuno vi vuol far male. E se qualcuno vi volesse far male, sappiate che quel qualcuno non avrà i numeri in Parlamento. Voglio rappresentare chi lotta contro la povertà, non -conclude Renzi- chi lotta contro chi crea e distribuisce la ricchezza”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here