NEONATO UCCISO DALLA MADRE, LA DONNA RESTA IN CARCERE

Non ha risposto al gip Maria Ilaria Romano che questa mattina era andata in carcere per interrogarla.

La 34enne che domenica notte, lungo la strada Telesina, ha lanciato il suo bambino di quattro mesi in una scarpata per poi raggiungerlo e colpirlo con un pezzo di legno alla testa, si è avvalsa della facoltà di non rispondere.

Secondo quanto appreso dall’AdnKonos sarebbe ancora in stato confusionale e non riuscirebbe a ricostruire lucidamente i fatti.

Arresto convalidato, la 34enne resta dunque in carcere.  Proseguono le indagini dei carabinieri, coordinate dal sostituto procuratore Maria Gabriella Di Lauro, per far luce sui rapporti che la
donna aveva con il compagno con il quale conviveva a Quadrelle, in provincia di Avellino.

Intanto è iniziata da pochi minuti l’autopsia sul corpicino del neonato.

Sarà eseguita dal medico legale Emilio D’Oro; per la difesa è stato nominato come perito Vincenzo Vecchione.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here