Enel: inaugura Kafireas, il più grande impianto eolico greco (2)

(Adnkronos) – Egph gestisce già due parchi eolici nella municipalità di Karystos: Iliolousti I (7,5 Mw) e Iliolousti II (9 Mw). È inoltre un importante proprietario e operatore di impianti rinnovabili in Grecia; con Kafireas, l’azienda porta la sua capacità installata a oltre 460 MW, di cui circa 354 MW da fonte eolica, 90 MW da fonte solare e 20 MW da idroelettrica. Kafireas, composto da sette parchi per un totale di 67 turbine eoliche, avrà una capacità di generazione di circa 480 GWh l’anno, pari a una riduzione delle emissioni di CO2 di 315mila tonnellate l’anno. L’impianto sarà supportato da un accordo di fornitura energetica ventennale (Ppa) con il gestore del mercato ellenico dell’energia elettrica (Dapeep).

L’impianto eolico prevede il collegamento con la Grecia continentale attraverso cavi aerei, sotterranei e sottomarini ad alta tensione da 150 kV, nonché due nuove sottostazioni ad alta tensione da 150 kV a Evia. L’energia di Kafireas sarà immessa nella rete nazionale della Grecia continentale attraverso la stazione ad altissima tensione a Pallene, nell’Attica. Nella costruzione di Kafireas, Enel ha implementato il suo modello di “cantiere sostenibile”, riciclando 550mila tonnellate di terreno e pietre estratte durante i lavori per il ripristino ambientale di una cava inattiva, nonché il riutilizzo, in collaborazione con la comunità locale, di 10 tonnellate di materiali da costruzione come pallet in legno, per riparare le stalle di pastori locali.

In linea con il modello di creazione di valore condiviso (Csv) adottato dal Gruppo Enel, che mira a coniugare lo sviluppo commerciale con le esigenze delle comunità locali, Egph ha condotto progetti di sostenibilità a sostegno di attività locali quali l’apicoltura e l’allevamento di bestiame. Questi progetti comprendono la creazione in tutti i parchi eolici, di aree speciali per il posizionamento di alveari e lo spostamento delle greggi. Altre iniziative in corso prevedono la riforestazione di circa 100 ettari, di cui 64 relativi alla foresta di castagni selvatici di Kastanologgos, con l’obiettivo di ricreare e tutelare l’ecosistema generale, sostenere le attività forestali e promuovere il turismo sostenibile.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here