MIGRANTI. ARCIVESCOVO BENEVENTO, ‘RAGIONARE E COMPRENDERE UOMINI E LORO DRAMMI’ 

Sui flussi migratori “c’è necessità di ragionare sulle cose con la testa e non con la pancia, non è una cosa scontata”.

Lo ha detto l’arcivescovo di Benevento, Felice  Accrocca, a margine del convegno, promosso dall’istituto superiore di  scienze religiose e dallo studio teologico di Benevento, sul tema ‘Il
Mediterraneo: non un mare di confine e limite, ma un luogo di  prospettica e orizzonte’.

“Si sente dire spesso -ha continuato- che tutti da noi vogliono  venire. Ma ci si potrebbe chiedere: se noi andiamo dagli altri perché  gli altri non dovrebbero venire da noi? A Londra ci sono 200mila  italiani”. “Dobbiamo ragionare e comprendere -ha sottolineato  Accrocca- e vedere gli uomini oltre i volti, con i loro drammi.
Un’altra parola ancora da aggiungere è sognare, ma con i piedi per  terra. E questo è il compito dei grandi profeti, di chi osa sperare  possibile l’impossibile. Comprendere da solo non basta se non si sposa con il sogno, e il sognare senza la comprensione cristiana non si
affronta”. “Occorre capire le ragioni dell’altro -ha concluso  l’arcivescovo- e sognare insieme: dalle cose piccole a quelle grandi”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here