Benevento, Città che legge. Il Comune si aggiudica il finanziamento del Centro per il libro e la lettura

L’Assessore all’Istruzione, alla Cultura e all’Unesco del Comune di Benevento Rossella Del Prete, informa che, a seguito della presentazione del progetto a valere sul bando per la “Realizzazione di attività integrate di promozione del libro e della lettura”, riservato alle città tra i 50.000,01 e i 100.000 abitanti, con qualifica di Città che legge, pubblicato dall’Istituto Cepell, la Biblioteca Comunale è rientrata tra i cinque progetti ammessi al finanziamento per un importo pari ad €. 50.000,00.

Un grande risultato raggiunto grazie alla progettazione posta in essere dall’Assessore Del Prete unitamente ad un gruppo di lavoro costituito ad hoc presso l’ufficio Istruzione e Biblioteca.

Il Comune di Benevento, consapevole che la lettura sia una risorsa strategica su cui investire e un bene imprescindibile per la crescita culturale dell’individuo e della società, intende portare avanti l’impegno nella sua diffusione e promozione sancito dal riconoscimento della qualifica di Città che Legge e dalla sottoscrizione di un Patto Locale per la lettura.

La proposta progettuale ammessa al finanziamento prevede l’attuazione di una strategia sistemica che favorisca la proficua collaborazione tra soggetti pubblici e privati al fine di consolidare e rafforzare le esperienze in atto e promuoverne di nuove.

Nello specifico, l’Amministrazione Comunale si propone di assegnare alla Biblioteca Comunale, inaugurata appena un anno fa (18 dicembre 2018) il ruolo di istituzione capofila nella promozione a livello locale di buone pratiche legate alla lettura affinché diventi un riferimento per tutti i soggetti che operano sul territorio.

Il primo anno di attività della Biblioteca Comunale è stato articolato in laboratori didattici di vario tipo – da quelli sulla civiltà longobarda a quelli sul teatro di figura -, in attività di inventariazione e catalogazione con progetti di alternanza scuola-lavoro e di Servizio civile, in cicli di presentazione di libri, in progetti di ricerca e di approfondimento sul patrimonio culturale urbano, fino ad arrivare alle iniziative previste nell’ambito della Prima Settimana del Patrimonio Culturale (ottobre 2019), con un ampio coinvolgimento delle scolaresche e di studenti universitari.

Volontà dell’Amministrazione è rafforzare, da un lato, la centralità del nuovo spazio culturale di Palazzo Paolo V (l’edificio risalente al XVI secolo, riaperto al pubblico in tutto il suo splendore proprio in seguito all’istituzione, al suo interno, della Biblioteca), perché la sua frequentazione diventi un’abitudine radicata soprattutto per quelle fasce della cittadinanza che hanno limitato accesso al patrimonio storico-artistico, dall’altro, estendere i confini della Biblioteca tramite l’erogazione di servizi e la promozione di iniziative in luoghi generalmente privi di un’offerta culturale adeguata.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here