VIOLENZA SU DONNE:, TILLO (ANM), ‘SERVE SISTEMA GIURIDICO E GIUDIZIARIO ADEGUATO’ =

“La violenza di genere, fino alla  degenerazione femmicidiaria, per le dimensioni che sta assumendo, è  un’emergenza e deve essere tratta adottando tutti gli strumenti idonei
ed efficaci per contrastarla. La sua denuncia è ancora troppo
reticente ma quando la vittima chiede aiuto, denuncia il responsabile
oppure avanza richiesta di un ordine di protezione, l’intervento deve
essere immediato, preciso ed efficace. L’attenzione della magistratura
è massima”.

A dichiararlo è Assunta Tillo, presidente della sottosezione di
Benevento dell’Associazione Nazionale Magistrati, per la giornata
internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.
“Condanniamo ogni forma di violenza nei confronti delle donne –
aggiunge – ogni singolo episodio è non solo un torto alla società, ma
anche una violazione dei diritti individuali delle vittime,
particolarmente vulnerabili, a cui è doverosa un’assistenza
specialistica e una protezione giuridica, nella consapevolezza che la
leale e continua collaborazione tra tutte le istituzioni sia la
risposta più efficace per un’effettiva tutela delle vittime e la piena
affermazione dei diritti violati”.

Secondo il magistrato ”Occorre un sistema giuridico e giudiziario
adeguato, che abbia un effetto deterrente e permetta di condurre
indagini effettive e di punire i responsabili; una pronta reazione
delle autorità alle denunce delle vittime attraverso l’adozione di
misure di protezione e prevenzione; l’impegno a combattere ogni forma
d’inerzia e tolleranza di fronte a tale forma di violenza di matura
discriminatoria per le donne. L’Anm di Benevento – conclude Tillo –
rinnova il proprio impegno a proteggere le vittime di reato dalla
vittimizzazione secondaria e ripetuta, garantire loro un adeguato
accesso alla giustizia e restituire loro la dignità nelle aule di
giustizia”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here