GIP dispone scarcerazione per Sergio Altivalle e obbligo di firma

Si è tenuta, questa mattina, presso la Casa Circondariale di Benevento, innanzi al Giudice delle Indagini Preliminari  dott.ssa Palmieri, l’udienza di convalida dell’arresto a carico di Sergio Altivalle, di 29 anni, di Benevento,  difeso dagli avvocati Vittorio Fucci j.r. e  Fiorita Luciano.

Come si ricorderà, l’Altivalle, che stamattina è stato scarcerato dal Gip, era stato tratto in arresto, dagli uomini della Questura di Benevento, nella presunta flagranza del reato di spaccio aggravato di droga.

In particolare, sempre secondo gli uomini della Questura, l’Altivalle era stato rinvenuto nella fragranza della detenzione di 70 grammi di hashish, in parte già diviso in dosi, e anche nell’atto della cessione ad una persona di alcune dosi di droga, mentre altre dosi l’avrebbe cedute ad altre persone fermate dagli agenti della Questura nei pressi dell’abitazione dell’Altivalle.

Il rinvenimento di 70 grammi di droga è una delle cessioni di dosi  sono avvenuti nell’abitazione dell’Altivalle al momento dell’irruzione degli uomini della Questura.

Peraltro sul pianerottolo dell’abitazione dell’Altivalle vi era un  altra persona nell’attesa di ricevere la cessione di alcune dosi.

Gli agenti della Questura rinvenivano, sempre nell’abitazione dell’Altivalle al momento dell’arresto, materiale per il confezionamento delle dosi di droga ,  un bilancino di precisione e 310,00 euro  ritenuti provento di spaccio, suddivisi  in banconote di piccolo taglio.

Ne scaturiva quindi l’arresto in flagranza e la contestazione di detenzione e spaccio aggravato che comporta una pena di reclusione dai 6 a 20 anni.

Gli agenti, inoltre, rinvenivano presso l’abitazione dell’Altivalle, anche un sistema di videosorveglianza, ritenuto utile dai dagli uomini della Questura per controllare l’eventuale arrivo delle forze dell’ordine.

All’esito  dell’udienza il GIP, accogliendo la difesa degli avvocati Vittorio Fucci Jr e  Fiorita Luciano, ha disposto la scarcerazione dell’Altivalle, imponendo solo l’obbligo di firma.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here