3BMeteo — NUOVA IRRUZIONE FREDDA nella PROSSIMA SETTIMANA, ancora INVERNO con NEVE a quote basse

Dalle prime ore della settimana una massa di aria fredda proveniente dal Nord Europa genererà instabilità, calo termico e neve a bassa quota.

NUOVA IRRUZIONE FREDDA IN GESTAZIONE. Si tratterà di una pausa davvero breve quella che caratterizzerà l‘imminente weekend, all’insegna di un temporaneo aumento della pressione che favorirà tutto sommato una maggior stabilità (salvo qualche locale strascico di maltempo al Centro-Sud) e un rialzo delle temperature. Già dalle ultime ore di domenica infatti una massa di aria fredda in discesa dalle alte latitudini europee si dirigerà di gran carriera verso sud scorrendo lungo il fianco destro di un campo di alta pressione che posizionerà i suoi massimi di 1050hPa ad ovest delle Isole britanniche.

VORTICE SUL MEDITERRANEO, TEMPO IN PEGGIORAMENTO E CALO TERMICO. Una volta raggiunto il Mediterraneo centrale l’aria fredda innescherà la formazione di un vortice la cui esatta posizione è ancora difficile da determinare, ma probabilmente ad ovest dell’Italia. Dall’inizio della nuova settimana si assisterà così ad un nuovo cambiamento del tempo anche sull’Italia, con temperature in decisa diminuzione soprattutto al Nord e ripresa dell’instabilità su gran parte delle nostre regioni.

PIOGGE E NEVE A BASSA QUOTA. I primi giorni della settimana vedranno quindi un peggioramento al Nord con piogge e rovesci che si estenderanno in breve tempo al Centro. Le basse temperature potrebbero favorire inoltre nevicate anche a quote molto basse sulle regioni settentrionali, sui rilievi appenninici al Centro (non esclusa neve a tratti fin verso le pianure del Nordovest). Entro metà settimana il maltempo sembra destinato a concentrarsi al Sud, mentre sembrerebbe concedere una tregua al Centro-Nord, seppur con temperature ancora una volta decisamente inferiori alle medie. In ogni caso la tendenza potrebbe subire modifiche a causa della sua dinamicità e vi consigliamo quindi di seguire i prossimi aggiornamenti.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here