Coronavirus: Boccia, ‘fase 2 parte quando ospedali e Paese in sicurezza’

Milano, 9 apr. (Adnkronos) – Anche nella cosiddetta Fase 2 è compito dello Stato garantire una serie di servizi alle Regioni e ai Comuni. Lo ha detto il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia. “Noi dobbiamo completare questa fase, che ci serve a mettere in sicurezza i territori e i loro presidi: è evidente che noi riteniamo che la Fase 2 può partire se è stato messo in sicurezza il Paese. Il Governo è impegnato in questo e sono qui per ribadire ai sindaci dei comuni capoluoghi che il loro lavoro sarà rafforzato”.

In più, ha spiegato, “ho raccolto l’appello dei sindaci a essere vicini alle Rsa, è stata un’ossessione quotidiana chiedere a ogni incontro se ci fosse bisogno di medici, infermieri e operatori sanitari nelle Rsa. Lo ribadiamo oggi perché sono i luoghi della massima debolezza. Abbiamo fatto la stessa richiesta anche per le carceri, se fosse necessario, ma sono le regioni a doverci chiarire le priorità”. Insomma, “c’è la garanzia dello Stato che continuerà a rifornire tutto quello che da territori arriva come necessario e urgente”, anche su eventuali “centro covid, test e tamponi”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here