FATEBENEFRATELLI ALL’AVANGUARDIA NELLA CHIRURGIA DELLA SPALLA

Il dolore alla spalla può determinare forti limitazioni funzionali e dolore tali da inficiare e rendere difficoltoso lo svolgimento delle normali attività della vita quotidiana, lavorativa e sportiva.

L’impatto di tali patologie nella popolazione e l’aumento costante della richiesta funzionale hanno indotto il dipartimento di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli di Benevento diretto dal Dr. Salvatore D’Auria a rivolgere sempre maggiore attenzione a queste patologie, al fine di garantire uno standard qualitativo sempre maggiore in termini di gestione chirurgica e non dei pazienti con disabilità dell’arto superiore.

Grazie alla collaborazione dei dottori specialisti Marco Molfini Antonio Tartarone, oggi il Fatebenefratelli di Benevento è in grado di gestire ed accogliere sempre più pazienti affetti da patologie come l’artrosi Gleno-Omerale, le lesioni della cuffia dei rotatori e con spalle instabili.

L’intervento chirurgico sempre più conservativo, grazie all’utilizzo dell’artroscopia e di devices più precisi e con materiali di ultima generazione, insieme con i protocolli fast track, consentono di gestire in maniera ottimale i pazienti fornendo una qualità elevata finalizzata ad una restitutio ad integrum in tempi più rapidi e a costi ridotti, che si traduce in una ripresa più veloce delle normali attività quotidiane, lavorative e sportive.

L’approccio al paziente, come avviene da sempre nella nostra struttura, è multidisciplinare e si avvale di personale specializzato, ovvero anestesisti dedicati, diretti dalla Dr.ssa Maria Cusano, personale di sala operatorio e infermieristico di reparto.

L’apertura a questa tecnica chirurgica, che negli ultimi anni ha ricevuto una forte spinta in termini di evoluzione delle tecniche chirurgiche e devices e grazie soprattutto al lavoro delle società scientifiche preposte, consente al dipartimento Ortopedia e Traumatologia del Fatebenefratelli di offrire standard qualitativi elevati ad una tipologia di pazienti sempre più varia.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here