Falcone: Nencini, ‘come Matteotti ebbe nemici a sinistra’

Roma, 23 mag. (Adnkronos) – “Uno è nato il 22 maggio, l’altro è stato assassinato il 23 maggio di un secolo dopo. Chi scrive che Matteotti e Falcone in vita furono amati o è un bugiardo o ha perso la memoria. Furono odiati e minacciati di morte dal mondo che combattevano: il fascismo e la mafia. E furono vilipesi nella loro stessa comunità, attaccati con argomenti speciosi, ridicolizzati: la sinistra, la magistratura. Di più. Una volta morti ammazzati, i nemici più duri provenienti dallo loro stesse file camuffarono la loro condotta per trasformarsi in agiografi”. Lo afferma il senatore del Psi Riccardo Nencini,

“Rileggersi i verbali del Csm, rileggersi le dichiarazioni di Violante e dintorni su Falcone. Giovanni Falcone fu gettato in un canto con l’accusa di aver fatto una scelta politica (lavora con Martelli al ministero della Giustizia). Salvo poi, a sepolcro inchiodato, vantare un’amicizia che non c’era mai stata. Di recente è successo anche a Matteotti. Tutti ne parlano, tutti pronti ad accaparrarsi l’eredità. Allora, parlo degli anni tra il 1920 e il 1924, Giacomo di amici ne ebbe davvero pochi. Pochissimi condividevano il suo attacco quotidiano al fascismo. Eccoli: Turati, Modigliani, Treves, Anna Kuliscioff. Per coerenza si segnala Togliatti. Fu un nemico di Matteotti -conclude Nencini- prima e dopo l’assassinio. La rivoluzione comunista era più importante della lotta al fascismo”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here