Fase 2: Valotta (Virgin Active), ‘doveroso aspettare riapertura, adottato protocollo sicuro’ (2)

(Adnkronos) – Parlando dell’allarme lanciato ieri dal virologo Fabrizio Pregliasco che mette in guardia e parla di “rischi effetto spogliatoio in palestre e piscine”, Valotta spiega: “Per la nostra riapertura, abbiamo creato su un team di esperti, partecipato a tavole rotonde internazionali, ci siamo basati su ricerche e pareri autorevoli, anche in base alle esperienze di altre nazioni, a abbiamo messo a punto un protocollo sicuro”. E aggiunge: “Invitiamo tutti i nostri soci, ad arrivare già pronti in tenuta sportiva, ma se non riuscissero a farlo, abbiamo adottato tutte le misure igienico/sanitarie necessarie per l’utilizzo dei nostri spogliatoi e delle nostre piscine”.

In alcune città si sta lavorando in questi giorni per dare alle palestre degli spazi pubblici per consentire lo sport all’aperto ed evitare in questo modo gli spazi ristretti. “I centri Virgin Active si caratterizzano sicuramente per la loro grandezza e superficie dedicata agli allenamenti, e abbiamo infatti adottato tutte le misure necessarie per consentire ai nostri soci l’ingresso al Club in maniera contingentata – commenta Luca Valotta – Credo molto nel concetto di Outdoor, proprio perché un allenamento si definisce irresistibile, se puoi farlo al Club, al parco o direttamente a casa tua. La palestra è il terzo posto dove passiamo più tempo, dopo la casa e l’ufficio. Da molti anni, la nuova tendenza in atto sta spostando il baricentro verso l’esterno, dove sempre più persone scelgono di correre e allenarsi – o di terminare l’allenamento iniziato al club. Stiamo lavorando anche noi, per ripartire con il nostro allenamento Outdoor, inaugurato durante il 2019 e tra i primi nel nostro settore”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here