Caos Procure: Mulé (Fi), ‘hanno sputato su Carta, ora riforma corale’

Roma, 1 giu,. (Adnkronos) – “Giustizia, dal latino ‘iustus’: giusto. L’enciclopedia degli orrori in queste settimane di scandali e intercettazioni di ‘giusto’ non ha proprio nulla. Anzi, viene a spalancarsi l’abisso dell’aberrazione nel quale è piombata la giustizia in Italia. Le toghe politicizzate mostrano il vero volto di quello che a tutti gli effetti è diventato un partito politico, una casta ambiziosa e pericolosissima che nella logica della spartizione delle poltrone soppianta merito, competenza, giustizia, diritti preferendo il correntismo e la rappresentanza politica associativa disvelata perfettamente dall’inchiesta Palamara”. Lo scrive su Facebook Giorgio Mulé, deputato di Fi e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato.

“Ci troviamo di fronte a una sorta di Manuale Cencelli, un potere nel potere che muove ossessivamente attacchi a #Berlusconi piuttosto che al centrodestra, con l’obiettivo di non farli governare, di screditarli, di arginarli. C’è di che rabbrividire – denuncia Mulé – la democrazia è in forte pericolo, ma non solo per il senso di giustizia violato ma per i tanti magistrati infangati nel loro ruolo che con serietà e dedizione combattono ogni giorno mafia e criminalità”.

“Hanno sputato sulla Costituzione, hanno calpestato la democrazia, hanno tentato di uccidere la verità, serve per questo urgentemente una riforma corale della Giustizia e della Magistratura, una riforma armoniosa e strutturale che limiti i poteri e ne esalti i meriti: possiamo vincere la battaglia madre di tutte le battaglie di Forza Italia. Ma ora, con coraggio”, conclude.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here