Additive Manufacturing Il Terzo Incontro itinerante della sezione Meccanica alla Easy-D-Room, azienda leader per il Sud per la stampa 3D

Presso Easy-d-room si è tenuto  il terzo degli incontri itineranti della Sezione Meccanica e Fonti energetiche di Confindustria Benevento incentrato sul tema dell’additive manufactoring.

Gli incontri nascono da un’intuizione della sezione Meccanica di Confindustria Benevento con l’obiettivo di creare una rete tra le imprese e soprattutto di favorire conoscenze e competenze. L’iniziativa è giunta al suo terzo appuntamento che sarà incentrato sulla manufattura additiva.

“La sezione Meccanica di Confindustria Benevento, con oltre 30 aziende iscritte rappresenta uno dei comparti più rappresentativi della nostra associazione. Spiega Filippo Liverini Presidente di Confindustria Benevento. Abbiamo la fortuna di poterci confrontare con realtà di eccellenza nel campo dell’industria 4.0 che hanno scelto la provincia di Benevento quale sede  per portare avanti la propria attività. Ringrazio il Presidente Luigi Nicolais con il quale stiamo collaborando da tempo su progetti di transizione tecnologica e trasformazione digitale per la cui realizzazione diventa fondamentale la collaborazione di aziende che credono  nel progetto associativo.”

“Dopo i primi due incontri presso la Cornaglia Sud, e Cosmind srl abbiamo scelto per il terzo incontro  Easy-D- Room, azienda che dallo scorso anno si è insediata a Benevento e che è leader al sud  nella produzione 3D. – spiega Clementina Donisi presidente della sezione.

Obiettivo della sezione è quello di far crescere e consolidare le aziende tramite il confronto e l’interscambio delle esperienze. Il dibattito parte da temi attuali e d’interesse per le imprese quali l’innovazione il Piano transizione 4.0 e costruisce attorno ad essi ipotesi progettuali.  Stiamo lavorando per creare sinergie sul territorio e siamo convinti di poter raggiungere traguardi importanti grazie alle competenze a alle capacità che le nostre associate stanno dimostrando sul campo. “

 

“Il Campania Digital Innovation Hub è stato costituito a luglio 2017 dalle Associazioni Territoriali Campane di Confindustria e dall’ANCE Campania e fa parte della rete nazionale degli Hub di Confindustria, nata a seguito della richiesta di Confindustria, accolta dal Governo, di sostenere il processo di trasformazione delle imprese in chiave 4.0 promuovendo la costituzione di una rete infrastrutturale dell’innovazione, che fosse in grado di riqualificare, coagulare e razionalizzare le varie esperienze sul territorio con l’obiettivo di creare un ponte tra imprese e ricerca, tra il mercato e il mondo dell’innovazione. I DIH hanno un ruolo determinante perché costituiscono la vera “porta di accesso” per le imprese al mondo di Industria 4.0. Spiega Luigi Nicolais.

È più che mai evidente che per aumentare la produttività e quindi la competitività del sistema Italia sono necessari investimenti, anche infrastrutturali, che rendano adeguato il tessuto produttivo ai nuovi modelli dell’economia digitale. L’emergenza del Coronavirus ha reso ancora più evidente l’importanza strategica delle reti di comunicazione per il Paese, e la loro capacità di collegare cittadini, imprese, comunità, istituzioni, centri di emergenza, mezzi di informazione. L’aumento del traffico dati è stato massiccio e diverso da quello a cui eravamo abituati. In questi giorni di emergenza, attraverso la rete è stato consentito a milioni di persone di restare in contatto tra di loro, lavorare da casa, informarsi, studiare e intrattenersi. Il traffico dati è cresciuto esponenzialmente sia su rete fissa che su rete mobile con un impatto sulle infrastrutture senza precedenti. Per questo motivo è necessario, da un lato aumentare la copertura territoriale e dall’altro rendere tale copertura sempre più affidabile e potente.

I digital devices che hanno supportato ognuno di noi, hanno evidenziato il digital divide, ovvero il divario tra chi ha un adeguato accesso ad Internet e chi non ce l’ha. Una copertura disomogenea della banda larga ha reso ancora più profonda le disuguaglianze sociali, che da sempre dividono come una crepa invisibile il Nord dal Sud, l’entroterra dai centri industrializzati, dove la presenza delle multinazionali spesso è sinonimo di sviluppo tecnologico”.

“Io ed il mio socio Piero Todaro –Spiega Renzo Trisolini –  siamo estremamente orgogliosi di poter accogliere presso la sede di Easy-d-Rom Engineering di Benevento, la delegazione della Sezione Meccanica di Confindustria per questo attesissimo evento di oggi. La nostra società porta l’innovazione tecnologica all’interno delle aziende clienti in tutto il Sud Italia fin dal 1997 e questo ci ha portati ad aprire lo scorso anno, una seconda sede in Campania dopo, la sede storica di Bari, perchè crediamo fermamente nelle potenzialità di questo territorio. Dopo essere entrati a far parte nel 2016 del The3DGroup, il più grande gruppo italiano nell’ambito della tecnologia, possiamo offrire soluzioni integrate per tutte le esigenze di implementazione ed ottimizzazione del processi di progettazione, produzione e prototipazione attraverso la vendita, la formazione e l’assistenza. Gli strumenti di Additive Manufacturing poi sono il nostro fiore all’occhiello e siamo davvero entusiasti di poter dare il nostro contributo oggi a dei contenuti così importanti e di grande attualità per il comparto metalmeccanico.”

 

I lavori sono stati moderati dal Direttore di Confindustria Benevento, Anna Pezza

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here