Adi: “Covid ha dimostrato ruolo nutrizione, aumentare Unità negli ospedali”

Roma, 22 ott. (Adnkronos Salute) – Aumentare le Unità operative dedicate alla dietetica e alla nutrizione clinica negli ospedali italiani, anche grazie all’iniezione di risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza. E’ l’appello dell’Adi, che ha scelto Covid-19 e obesità fra i temi cardine delle prime giornate del suo 24esimo Congresso nazionale, in programma fino al 23 ottobre alla Nuvola Lavazza di Torino. L’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica, la prima associazione nata in Italia (1950), ha affrontato le problematiche dell’alimentazione con dibattiti e focus, anche alla luce della pandemia da coronavirus; due fenomeni apparentemente distinti, eppure correlati da un punto di vista sia clinico che sociale.

“La pandemia da Sars-CoV-2 ha mostrato con piena evidenza come la malnutrizione, sia per eccesso e sia per difetto, preesistente o concomitante all’infezione virale, abbia costituito un fattore prognostico sfavorevole in tutti i pazienti, indipendentemente dal genere e dall’età – sottolinea Giuseppe Malfi, presidente Adi – Lo scenario di complessità e imprevedibilità con cui ci siamo trovati a operare durante le fasi più acute della pandemia ha fatto emergere ancora di più quanto il ruolo della nutrizione clinica sia fondamentale nella gestione multirofessionale e integrata dei pazienti Covid, ma anche di tutte le aree di degenza delle strutture sanitarie”.

“La survey effettuata dall’Adi per monitorare l’assistenza nutrizionale ai malati Covid, tra aprile e luglio 2020 ha dato purtroppo risultati stupefacenti – evidenzia Carmela Bagnato, segretario Adi – L’80% dei pazienti non è stato pesato, a molti non è stato effettuato alcuno screening nutrizionale per rilevare lo stato di malnutrizione, sia in eccesso che in difetto, nonostante tutte le linee guida indichino quanto il supporto a una corretta alimentazione sia importante per l’outcome della malattia. E’ stato provato che la malnutrizione ha peggiorato l’andamento della malattia. Gli obesi, ad esempio, sono stati i pazienti che più sono morti per Covid-19”.

Durante il Congresso nazionale Adi è stato ribadito il ruolo fondamentale della malnutrizione anche nella diffusione di malattie croniche non trasmissibili. “L’obesità è stata riconosciuta come malattia nel 2019 presso la Camera dei deputati – ricorda Malfi – Questa è una premessa per stabilire percorsi diagnostici adeguati su tutto il territorio nazionale. Il 10% della popolazione italiana è obesa, e il ruolo dell’obesità è fondamentale nel determinare la diffusione e la mortalità di una malattia cronica non trasmissibile. Non va poi trascurata la malnutrizione per difetto, che noi definiamo una ‘malattia nella malattia’: nell’ambito dei percorsi ospedalieri può peggiorare la prognosi delle malattie dei pazienti ricoverati in molte discipline, sia mediche che chirurgiche. Il trattamento della malnutrizione a livello ospedaliero è quindi importantissimo per favorire la guarigione dei pazienti e ridurre i costi legati a un protrarsi della degenza all’interno degli ospedali”.

Gli esperti Adi hanno ribadito come l’Unità operativa di dietetica e nutrizione clinica debba essere il riferimento all’interno di un approccio multidisciplinare nella gestione di tutti i pazienti ospedalizzati e soprattutto nella prevenzione, per salvaguardare sia la salute della popolazione e sia quella del pianeta grazie all’applicazione di procedure finalizzate nel primo caso a individuare i pazienti a rischio di malnutrizione per eccesso o per difetto o già malnutriti, nel secondo a ridurre gli sprechi alimentari.

“La presenza costante di un’Unità operativa di dietetica e nutrizione clinica all’interno di una realtà ospedaliera, con un team nutrizionale e un servizio di ristorazione adeguatamente formati – rimarca il presidente Adi – permette di offrire ai pazienti cibo sano, appetibile e con valenza terapeutica, e di conseguenza diminuire i tempi di degenza e quindi i costi sul sistema sanitario nazionale. Purtroppo patologie come l’obesità, il diabete o la malnutrizione, a differenza del Covid, non si attenueranno con l’uso di un vaccino, ma anzi, senza piani di prevenzione e cura adeguati aumenteranno sempre di più. Per questo ci auguriamo che parte dei fondi del Pnrr per la sanità vengano destinati all’incremento e potenziamento dei servizi di nutrizione clinica in tutto il Paese e allo sviluppo interventi educativi oltre che sulla scuola anche sulle famiglie, affinché rendano la dispensa di casa più mediterranea e acquisiscano maggiore consapevolezza sul consumo eccessivo di prodotti non salutari”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here