Caporetto ad Arezzo

Nella battaglia di Arezzo ci sono state tutte le compenenti: sconfitta, “morti” (Ignoffo), “appiedati” (De Liguori che sarà squalificato), “feriti” (Gori), “deportati” (Landaida, Cattaneo, Ferraro, Corradino, De Liguori). I giallorossi si sono battuti come leoni fin quando il protagonista assoluto (come al solito un arbitro) non si è inventato un calcio di rigore (fallo molto dubbio su un avversario in fuorigioco) che ha provocato il pareggio dei padroni di casa e l’espulsione di Giovanni Ignoffo.Già la partita era difficile di per sè, da questo momento lo è diventata di più, ma anche in 10 i giallorossi avevano retto bene fino al 55′ quando è stato costretto ad uscire Gori per infortunio e Corradino che non è la stessa cosa, in 3 minuti ha subito il raddoppio e il terzo gol che ha messo in sicurezza l’Arezzo. Sul finire Landaida colpisce la traversa e al 95′ c’è il terzo rigore, trasformato da Martinetti, che chiude definitivamente la giornata.Che dire, il passivo è stato severo ma non meritato e quindi aspettiamo domenica per il pronto riscatto che assolutamente non dovrà mancare.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here