Caserta. Rapina bar con pistola, 23enne bandito preso dai carabinieri. Incastrato dal gps montato sull’auto usata per fare i colpi


E’ stato incastrato dal gps montato sull’auto usata per fare le rapine il 23enne di Casal di Principe (Caserta), arrestato oggi dai carabinieri con l’accusa di aver compiuto un colpo in una bar di Cancello e Arnone il 10 marzo scorso. Il giovane è già stato fermato insieme ad un complice per un’altra rapina compiuta il 12 marzo ad un distributore di benzina di Giugliano in Campania (Napoli); in questa circostanza la Polizia di Stato accertò che i due banditi si erano recati al distributore con una Fiat Panda bianca priva di targa. Questo particolare è stato poi colto dai carabinieri che intanto indagavano sul raid compiuto due giorni prima a Cancello e Arnone, dove due persone, con il volto travisato e armati di pistola e coltello, avevano minacciato i dipendenti facendosi consegnare 200 euro. I militari della Compagnia di Casal di Principe notarono che l’auto usata per entrambi i colpi era la stessa; dalle indagini è emerso che la Panda era dotata di Gps installato a fini assicurativi. Tramite il sistema di localizzazione è così stato possibile appurare che il 10 marzo, poco prima delle 21, orario in cui avvenne il colpo al bar di Cancello e Arnone, la Panda era proprio nelle vicinanze del locale; tra l’altro le telecamere di video-sorveglianza hanno fatto emergere una somiglianza tra uno dei responsabili dei due colpi, il giovane arrestato oggi.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here