Ciclismo: Giro d’Italia, capitano Italrugby Michele Lamaro premia la maglia bianca

Treviso, 26 mag. – (Adnkronos) – Un arrivo a tinte azzurre e ovali quello della diciottesima tappa del Giro d’Italia. Giunto all’edizione numero 105, il Giro d’Italia è una delle kermesse più famose al mondo dedicate al Ciclismo che ogni anno nel Belpaese coinvolge milioni di appassionati pronti a sostenere sulle strade centinaia di atleti pronti a contendersi l’iconica “Maglia Rosa” simbolo della manifestazione che viene assegnata al vincitore della classifica finale.

Nella tappa numero 18 – con partenza da Borgo Valsugana e arrivo a Treviso per un totale di 156 km – al traguardo, insieme alle autorità locali, pronti ad accogliere gli atleti erano presenti Marzio Innocenti, presidente FIR, Michele Lamaro – capitano della Nazionale Italiana Rugby Maschile che ha premiato Juan Pedro Lopez Perez con la “Maglia Bianca”, riconoscimento per il “miglior giovane” – e Federico Ruzza, suo compagno al Benetton Rugby e in Nazionale.

“Il Giro d’Italia è uno degli appuntamenti sportivi più affascinanti del panorama sportivo italiano e non solo. Essere qui oggi, oltre per la passione sportiva, è importante per cercare di conoscere meglio dall’interno una manifestazione che coinvolge una ampia fetta di tifosi. L’atmosfera è molto simile a quella che si vive nel terzo tempo: si respira l’aria dei grandi eventi, una vera e propria festa dello sport” ha dichiarato Marzio Innocenti, presidente Fir.

“Sono da sempre un appassionato di ciclismo. Nel tempo libero adoro spostarmi in bici. L’atmosfera del Giro d’Italia è speciale. Come nel rugby, gli avversari ci sono solo durante la competizione ma al termine quello che trionfa è lo sport. Tante famiglie, aria di festa. E’ stata una esperienza bellissima e formativa” ha detto Michele Lamaro, capitano dell’Italrugby e del Benetton Rugby.

“Oggi giorno il Giro d’Italia riesce a regalare piacevoli sorprese. La competizione, mista al calore del pubblico, mette in mostra i valori dello sport di cui il rugby ne è un esempio. Abbiamo avuto il piacere di ospitare una rappresentanza della Nazionale: la palla ovale condivide con noi lo spirito di sacrificio che ogni ciclista mette in campo ogni giorno, oltre che l’atmosfera di festa e convivialità che troviamo in ogni tappa del Giro d’Italia e nel Terzo Tempo” ha sottolineato Mauro Vegni, direttore del Giro d’Italia.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here