Covid. Confesercenti, in Campania ristorazione in ginocchio.

“Abbiamo superato i 400 giorni totali di chiusura, e 50 mila attività di ristorazione in Campania – tra ristoranti, bar e pub – sono in ginocchio.”

Questo l’ allarme del presidente regionale di Confesercenti Vincenzo Schiavo “Delle 24 mila 600 attività di questo comparto – aggiunge Schiavo – solo il 30% (7800) ha, o avrebbe, la facoltà di riaprire, in zona gialla, avendo aree esterne.

Vorrebbe dire che il restante 70% (16.800), che dà lavoro a oltre 100mila persone dovrebbero rimanere chiuse. Non è corretto fermare le 31 categorie della filiera del wedding, bollandole come attività legate ad “eventi”. Si tratta di tenere ferme 31 categorie che rappresentano in Campania 50mila imprese e oltre 250mila lavoratori”. “Chiediamo al governo di fare chiarezza – conclude Schiavo – deve finirla di trasferire alla collettività l’idea che è nelle nostre attività che si diffonde il Covid-19.

Non è così, nel resto del mondo assistiamo ad aperture di attività commerciali, qui invece il governo non ha avuto la capacità di dare ristoro alle nostre imprese”.

(ANSA).

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here