Europei: cardiologo St George’s University, ‘improbabile che Eriksen torni a giocare a calcio’

Londra, 13 giu. (Adnkronos) – Christian Eriksen è fortunato a essere vivo, ma è improbabile che possa giocare di nuovo a calcio dopo aver subito un apparente arresto cardiaco ad Euro 2020, secondo un cardiologo sportivo che in precedenza ha lavorato con il calciatore al Tottenham. In scene drammatiche a Copenaghen, il centrocampista 29enne è caduto a terra al Parken Stadium poco prima dell’intervallo nella partita della Danimarca contro la Finlandia ed è stato subito soccorso in campo prima di essere portato in ospedale. La partita del primo turno è stata sospesa con i giocatori di entrambe le parti in evidente difficoltà prima di riprendere circa due ore dopo, saputo che Eriksen era stato dichiarato in condizioni stabili con la Finlandia che ha vinto 1-0. Sanjay Sharma, professore di cardiologia sportiva alla St George’s University di Londra, ha affermato che gli enti calcistici e i medici saranno probabilmente “molto severi” nel consentire a Eriksen, che ora è con l’Inter, di giocare di nuovo.

Sharma, che ha lavorato con Eriksen agli Spurs, ha dichiarato: “Chiaramente qualcosa è andato terribilmente storto. Ma sono riusciti a riportarlo indietro, la domanda è cosa è successo? E perché è successo?”. “Questo ragazzo ha avuto test normali fino al 2019, quindi come si spiega questo arresto cardiaco?” si chiede Sharma che presiede il gruppo di consenso cardiaco di esperti della FA, che ha affermato che ci sono state diverse ragioni per cui un arresto cardiaco potrebbe essersi verificato, come temperature elevate o una condizione non identificata. Ma ha detto che i rapporti dopo la partita secondo cui Eriksen era sveglio in ospedale erano “un ottimo segno”.

“Sono molto contento. Il fatto che sia stabile e sveglio, le sue prospettive saranno molto buone”, ha detto all’agenzia di stampa PA. “Non so se giocherà mai più a calcio. Senza mezzi termini, di fatto è come morto, anche se per pochi minuti, ma è morto e il medico gli permetterebbe di morire ancora? La risposta è no”, ha spiegato il medico che ha poi aggiunto: “La buona notizia è che vivrà, la cattiva notizia è che stava arrivando alla fine della sua carriera, quindi che giocherà un’altra partita di calcio a livello professionistico non lo posso dire. Nel Regno Unito non giocherebbe. Saremmo molto severi al riguardo”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here