L’Europa a caccia di pianeti simili alla Terra, missione Plato supera test critico

Roma, 14 gen. (Adnkronos) – L’Europa andrà a caccia di pianeti simili alla Terra. La missione Plato dell’Esa ha infatti superato un ‘test’ cruciale’ e ha ricevuto il via libera a completare il processo di costruzione del satellite e del Payload. Anche l’Italia partecipa alla sfida sotto il coordinamento dell’Agenzia spaziale italiana e grazie all’impegno di team di scienziati e industrie nazionali. Plato – la missione Planetary Transits and Oscillations of stars – è la terza di classe media del programma Cosmic Vision dell’Esa ed il suo obiettivo è trovare e studiare sistemi planetari extrasolari puntando, particolarmente, sulle proprietà dei pianeti terrestri nella zona abitabile attorno a stelle simili al Sole. La missione Plato è stata progettata anche per studiare l’attività sismica nelle stelle consentendo la caratterizzazione precisa della stella ospite del pianeta, inclusa la sua età.

Asi e Inaf hanno reso noto che una commissione nominata dall’Agenzia Spaziale Europea ha sottoposto ad un esame accurato il progetto Plato e ha verificato la maturità del satellite e degli strumenti di bordo confermando così la fattibilità del programma di costruzione del satellite e la solidità del piano di produzione del Payload in cui c’è anche il contributo dell’Italia. Questo passaggio prevede la realizzazione in serie di 26 sofisticati telescopi – chiamati Plato Camera – con i quali Plato scoprirà e studierà le caratteristiche di esopianeti, anche molto simili alla Terra, e che orbitano intorno a stelle simili al Sole. L’Agenzia Spaziale Italiana e l’Istituto Nazionale di Astrofisica sottolineano che questo esame, chiamato Critical Milestone Review, è stato richiesto da Esa a causa della complessità di sviluppo associata alla produzione in serie dei telescopi.

La revisione è stata effettuata nel periodo compreso tra luglio e dicembre 2021 da un team costituito da più di 100 scienziati e ingegneri dell’Esa divisi in due commissioni, una per il Satellite e una per il Payload. Tutti gli aspetti della produzione, dell’assemblaggio e del collaudo dei telescopi sono stati verificati con successo attraverso test sui telescopi effettuati in diverse industrie e istituti di ricerca europei. Le proprietà di altissima stabilità con la temperatura del banco ottico che alloggia i telescopi – Plato opererà a circa -90 °C – sono state verificate con una nuova tecnica di test sviluppata dall’appaltatore principale del satellite, la Ohb System Ag. I risultati sono stati presentati al comitato di revisione l’11 gennaio 2022 che ha decretato il raggiungimento dei risultati previsti.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here