L’infettivologa: “Giovani con Hiv tra i più insoddisfatti delle terapie”

Roma, 22 ott. (Adnkronos Salute) – “Tra i pazienti con Hiv i giovani sentono in particolare tutto il peso della malattia, ma sono anche i più insoddisfatti del regime terapeutico in corso. Dobbiamo pensare a nuove strategie di trattamento, tra cui le cosiddette terapie a lungo termine, che non prevedono l’assunzione della pillola quotidiana. Il trattamento deve essere più semplice e facile da assumere, ma non è l’unico aspetto a pesare sul paziente. Le persone che vivono male a causa dell’infezione da Hiv e della terapia sono le stesse che necessitano di un maggior contatto con il proprio medico infettivologo, come è emerso dalla survey condotta da Fondazione Icona e che ha coinvolto 600 pazienti. Un bisogno talvolta insoddisfatto. Invece, il dialogo con clinico di riferimento è un aspetto fondamentale perché aiuta il paziente a migliorare la sua qualità di vita e il suo stato di salute globale”. Lo afferma Antonella Cingolani, medico infettivologo della Fondazione Policlinico ‘A. Gemelli’ Irccs, Università Cattolica Sacro Cuore Roma.

E a proposito dell’indagine promossa da Fondazione Icona, con il sostegno delle associazioni di pazienti e il supporto di ViiV HC, per capire quali sono le attese e le preoccupazioni sulla terapia delle persone con Hiv in Italia, e i cui risultati sono stati presentati in occasione del Congresso Icar2021 in corso a Riccione, Cingolani non ha dubbi: “Si tratta di dati di grande interesse per il nostro lavoro di ogni giorno. Tuttavia, colpisce che, nonostante la stragrande maggioranza delle terapie anti-Hiv oggi disponibili siano racchiuse in un’unica compressa, quasi il 20% dei soggetti riferisca un peso “eccessivo” del trattamento e della malattia. In particolare, l’insoddisfazione al trattamento e lo scarso dialogo con il medico infettivologo minano significativamente il benessere dei pazienti. Questi aspetti, e su questo c’è ovviamente da lavorare anche in termini di comunicazione e attenzione, sono più rilevanti nei più giovani”.

Dallo studio emerge che l’età dei pazienti ha un ruolo fondamentale nella percezione della malattia. “Le persone che sono cresciute con l’Hiv, e che oggi hanno disposizione terapie molto semplici, si sono in qualche modo abituate a convivere con la malattia. Invece – conclude l’infettivologa – per i giovani dobbiamo pensare a nuove strategie di trattamento che non prevedano più l’assunzione giornaliera di un farmaco”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here