Meteo: PROSSIMA SETTIMANA, da Lunedì Ultimo SOFFIO RUSSO, poi Avanza un’INTENSA PERTURBAZIONE ATLANTICA. TENDENZA

Nel corso della PROSSIMA SETTIMANA è attesa un’importante svolta meteorologica: infatti dopo l’ultimo soffio russo di lunedì 18 si aprirà la Porta dell’Atlantico e di conseguenza avanzerà un’intensa perturbazione. Facciamo il punto della situazione tracciando una tendenza su temperature e precipitazioni attese sull’Italia.

Partiamo con la nostra analisi dalla giornata di lunedì 18 quando il nostro Paese sarà ancora sotto l’influsso delle correnti dai quadranti settentrionali (Nord/Nord Est). A parte qualche temporale sulla Sicilia il tempo si manterrà soleggiato anche se le temperature saranno ancora piuttosto basse e sotto gli zero gradi durante la notte e al primo mattino nelle principali città del Centro Nord.

Dopo un martedì 19 piuttosto tranquillo salvo qualche piovasco tra Liguria e alta Toscana, ecco che tra mercoledì 20 e giovedì 21 si riaprirà la Porta dell’Atlantico che favorirà il passaggio di una perturbazione che porterà le prime piogge a partire dalle regioni del Nord. Col passare delle ore i rovesci si estenderanno anche ai settori tirrenici. Le correnti quindi si disporranno in prevalenza da Ovest e di conseguenza anche le temperature si alzeranno di qualche grado e per questo motivo la neve cadrà sulle Alpi solamente oltre i 7/800 metri e sugli Appennini oltre i 1400 metri.

Il peggioramento, nei giorni successivi insisterà in particolare al Centro Sud con la possibilità di rovesci temporaleschi specie tra Lazio e Campania dove soffieranno anche venti intensi lungo le coste. Poi le incertezze aumentano, a causa del caos modellistico in atto per colpa dello stratwarming, ma sembrerebbe proprio che nuovi impulsi perturbati in discesa dal Nord Atlantico possano colpire nuovamente l’Italia con il rischio di temporali e anche di neve.

ilmeteo.it

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here