NUOVO DPCM. CAMPANIA NELL’AREA GIALLA. ECCO LE MISURE IN VIGORE DA VENERDI’


Regioni divise in 3 fasce a seconda del rischio e misure via via più restrittive. E’ il quadro del nuovo dpcm che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha illustrato  in conferenza stampa. “Il virus sta correndo forte in Europa.

Nella settimana tra il 19 e il 25 ottobre, il numero di nuovi casi è quasi raddoppiato rispetto alla settimana precedente e l’indice Rt è aumentato fino a 1,7 come media nazionale. Ci sono regioni con rt anche superiore.

I numeri complessivi sono in costante aumento e comportano un’altra probabilità che molte regioni superino le soglie critiche delle terapie intensive già nelle prossime settimane. Dobbiamo intervenire per rallentare la circolazione del virus.

Oggi, a differenza della prima ondata, disponiamo di un piano di monitoraggio della curva epidemiologica basato su 21 parametri”, dice.

“Abbiamo distinto la penisola in 3 aree: gialla, arancione e rossa. Ciascuna con proprie misure restrittive. Tutte le misure entreranno in vigore venerdì, per consentire a tutti di avere il tempo congruo per disporre le proprie attività”, afferma.

“Nell’area gialla rientrano Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Molise, Sardegna, Liguria, Marche, Toscana, Umbria, Veneto, province di Trento e di Bolzano”, dice.

In queste regioni sarà vietato circolare tra le 22 e le 5 del mattino, dice il premier, illustrando il provvedimento nel dettaglio.

Non ci sono restrizioni per la consegna a domicilio”, dice ribadendo le misure in comune con le regioni dell’area gialla: “Negozi chiusi nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi, ad eccezione di farmacia, parafarmacie, alimentari, tabacchi ed edicole. Chiudono mostre e musei. E’ prevista didattica a distanza per le scuole superiori di secondo grado, le lezioni in presenza rimangono per scuole dell’infanzia, elementari e medie, All’università, didattica a distanza salvo che per le matricole e per le attività di laboratorio. Sospese prove scritte per concorsi e prove di abilitatione professionale, con alcune eccezioni. Per i mezzi di trasporto pubblico, riempimento fino al 50% fatta eccezione per i mezzi di trasporto scolastico. Stop alle attività di scommesse, giochi e videogiochi. Chiuse piscine, palestre, teatri e cinema, rimangono aperti i centri sportivi”.

Puglia e Sicilia rientrano nell’area arancione. “In aggiunta, qui è vietato spostarsi in entrata e in uscita da una regione all’altra e da un comune all’altro, salvo motivi di lavoro, studio, salute, necessità e per usufruire di servizi e attività non disponibili nel comune di residenza”, spiega Conte. “In queste regioni chiudiamo bar e ristoranti 7 giorni su 7, possono operare per l’asporto fino alle 22.

“Le regioni dell’area rossa, ad alta criticità, sono Calabria, Lombardia Piemonte e Valle d’Aosta. A queste regioni si applicano misure ancora più restrittive. E’ vietato ogni spostamento anche all’interno del proprio comune in qualsiasi orario salvo motivi di lavoro, studio, salute, necessità”, spiega. “Chiudono i negozi, fatta eccezione per gli alimentari, le farmacie, le parafarmacie, parrucchieri, barbieri e lavanderie. Negli uffici pubblici, lavoro in presenza solo per attività indifferibili. Altrimenti, si va in smart working. La didattica a distanza si estende alla seconda e alla terza media”.

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here