Omicidio Senago: in chat Impagnatiello ricerche per mesi su ‘veleno topi incinta’ (2)

(Adnkronos) – L’omicidio di Giulia è avvenuto, da quanto ricostruito dalle indagini, nella serata del 27 maggio del 2023. Alessandro Impagnatiello accoltella la compagna, incinta di Thiago, ben 37 volte, poi prova a bruciarla nella vasca da bagno. Il 28 maggio il corpo è nel box, qui tenta nuovamente di darle fuoco con la benzina, quindi nasconde la vittima, avvolta in buste di plastica in cantina, infine la riporta nel box per trasportarla la notte del 31 maggio (intorno alle ore 2.30) in un anfratto in viale Monterosa.

Sono le testimonianze, ma anche le immagini delle telecamere – Impagnatiello esce “con due sacchi spazzatura gialla” – e quanto restituito dal luminol che permettono di stabilire le mosse dell’imputato che prima del delitto ha comprato anche una bottiglietta di cloroformio. Un delitto che l’ex barman ha cercato di nascondere mandando dei messaggi dal cellulare della compagna, ormai morta, ma anche quando è già in caserma per essere ascoltato. Qui, con accanto un carabiniere, mentre si cercava la compagna si dedica a cercare sul cellulare ‘Odori che possono dar fastidio ai cani’.

ARTICOLI CORRELATI