**Ostia: Cassazione, ‘da clan Spada impiego sistemico del metodo mafioso’**


Roma, 6 lug. (Adnkronos) – “Correttamente il gruppo Spada è stato annoverato fra le altre associazioni, comunque localmente denominate, che, valendosi della forza intimidatrice del vincolo associativo, perseguono scopi corrispondenti a quelli delle associazioni di tipo mafioso, essendo stato individuato nell’articolazione del gruppo criminale il minimo comune denominatore necessario per ritenere costituita e operante l’associazione mafiosa, ossia l’impiego sistemico del metodo mafioso in guisa tale da ingenerare nella platea che con esso si pone in relazione la condizione diffusa dell’assoggettamento omertoso, essendo emersa la capacità della consorteria di dispiegare il metodo intimidatorio promanante dal vincolo”. E’ quanto scrivono i giudici della prima sezione penale di Cassazione nelle motivazioni con cui lo scorso gennaio hanno confermato l’associazione a delinquere di stampo mafioso per il clan Spada di Ostia nel maxi processo contro il clan del litorale romano. I supremi giudici avevano disposto anche un nuovo processo d’Appello per il duplice omicidio di due esponenti di un clan rivale, Giovanni Galleoni detto ‘Baficchio’ e Francesco Antonini detto ‘Sorcanera’, avvenuto il 22 novembre del 2011 nel centro di Ostia. Il processo d’appello bis riguarderà Roberto Spada, già condannato in via definitiva a sei anni per la testata a Ostia al giornalista Daniele Piervincenzi, Ottavio Spada, detto Marco, e Carmine Spada. I ricorsi degli altri imputati erano stati rigettati o dichiarati inammissibili confermando sostanzialmente le pene inflitte.

“Anche per il clan Spada, la Corte territoriale ha ritenuto congrua la qualificazione di un gruppo di ‘nuova’ mafia – siccome non radicata nel patrimonio storico assicurato dal prestigio criminale della tradizione” come nel caso delle “mafie storiche, quali Cosa nostra, o ‘ndrangheta e camorra” – e di ‘piccola mafia – scrivono i supremi giudici – la quale però nel suo ambito ha sviluppato una forza di intimidazione scaturente dal vincolo associativo fino a farne derivare quella tangibile condizione di omertà e assoggettamento di coloro che si siano trovati a rapportarsi con essa (…); ciò nella stessa prospettiva che ha condotto all’accertamento della natura mafiosa del clan Fasciani, consorzio criminale al quale gli Spada hanno fatto esplicito riferimento e con il quale sono state acclarate permanenti condizioni di collaborazione”.

“Il controllo dell’ambito ostiense non è stato inteso come dominio assoluto, ma come controllo concorrente, vale a dire riferito a una porzione di quel territorio: gli Spada operavano già in modo incontrastato su una parte di territorio di Ostia imperniata sulla piazza Gasparri e avevano successivamente ampliato il loro dominio anche su via Forni, una volta eliminata la resistenza del gruppo dei Baficchi, in una progressione accrescitiva della sfera di influenza – si legge – parallelamente al consolidamento dell’alleanza con il clan Fasciani, anche penetrando nella gestione delle attività economiche, comprese quella relativa alle slot machines, ciò senza ammettere la concorrenza di altri gruppi criminali o singoli delinquenti”. E ancora: “Essendo chiaro che un capo come Carmine Fasciani, principale esponente del clan omonimo, non aveva certo bisogno dell’obolo disposto da Carmine Spada per mantenersi nel corso della detenzione, l’offerta aveva solo un significato simbolico, quello di sottomissione e di conferma dell’alleanza, di tributo a un capo rispettato, di rassicurazione in ordine alla costante presenza sul territorio in stretta collaborazione con chi è detenuto, secondo uno sperimentato codice proprio delle mafie tradizionali ma fatto proprio anche da queste nuove consorterie, ivi incluso il clan Spada”.

Il maxi processo al clan Spada era nato dall’indagine della Dda di Roma, coordinata dai magistrati Michele Prestipino con Ilaria Calo’ e Mario Palazzi, che aveva portato il 25 gennaio del 2018 all’operazione ”Eclissi” con gli arresti eseguiti dai carabinieri e dagli agenti della Squadra mobile. Il 12 gennaio dello scorso anno i giudici della Prima Corte d’Assise d’Appello di Roma avevano confermato l’associazione per delinquere di stampo mafioso e le condanne per i 17 imputati per oltre 150 anni di carcere, tra queste, l’ergastolo per Roberto Spada e per Ottavio Spada, detto Marco, mentre era stata ridotta la condanna per Carmine Spada, dall’ergastolo a 17 anni.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here