Pd: Gori, ‘Conte federatore? Sarebbe segno subalternità’

Milano, 23 feb. (Adnkronos) – L’ipotesi di Giuseppe Conte federatore del centrosinistra nell’alleanza Pd-Leu-M5S sarebbe un segno di subalternità secondo il sindaco di Bergamo del Pd, Giorgio Gori.

“Mi sembra una manifestazione di debolezza, nel 2023 i 5 stelle non saranno più primo partito, quindi attribuire da ora a Conte, esponente dei 5 stelle, il ruolo del leader mi sembra un segno di subalternità. I leader nel Pd li scelgono gli elettori con le primarie, e il Pd dovrà essere il primo partito di qualsiasi alleanza si componga”, afferma il sindaco a 24Mattino, su Radio 24.

E ancora: “Conte va ringraziato per il suo servizio ma bisogna ricordare la sua storia politica, che l’ha visto passare dall’alleanza con la Lega quando si definiva orgogliosamente populista e sovranista, ad una alleanza di diverso segno”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here