**Quirinale: vertice giallorossi per saldare fronte, nessun nome ma Draghi sullo sfondo**

Roma, 19 gen. (Adnkronos) – Un incontro per saldare il fronte con tanto di tweet congiunti dei tre leader giallorossi e per mostrare che il centrodestra non gioca da solo. E soprattutto, non ha i numeri per farlo. Enrico Letta, Giuseppe Conte e Roberto Speranza si vedono di buon mattino. A casa del leader M5S. Una location non casuale. “Abbiamo voluto dare una mano a Conte -si dice tra i parlamentari dem- anche dopo l’incidente con Bettini…”.

Di fatto dal summit, oltre alla dichiarazione di “unità di intenti” per un percorso che porti a “una soluzione condivisa” per il Colle, esce solo la conferma del no alla candidatura di Silvio Berlusconi. Nessun passo avanti. Nessun nome. Volutamente. Perchè avanzare un nome significherebbe “bruciarlo e fare il gioco del centrodestra”, osserva un big del Pd. Però, poco dopo la fine del vertice, uno spin dei 5 Stelle spariglia: lo stop di Conte a Mario Draghi al Colle. “Va garantita la continuità del governo. Senza Draghi difficile che regga”. Poi a stretto giro, la correzione di rotta: “Non si sono fatti nomi per lasciare aperte tutte le opzioni”. E in serata lo stesso Conte mette in chiaro: “Non poniamo nessun veto” su Draghi.

Un cortocircuito comunicativo che tra i parlamentari Pd viene letto in chiave interna ai 5 Stelle. Alle divisioni tra i grillini che ci sono, ma che si confida possano essere superate. “Non reggono a Draghi? Non è così se viene assicurata la continuità della legislatura”. Intanto, però, anche i tra i dem c’è qualche frizione. Nel manipolo di parlamentari Pd più ostili al dialogo con M5S, il summit di stamattina terminato con i tweet fotocopia non è piaciuto e qualcuno nelle chat interne avrebbe ribattezzato con sarcasmo Letta, Conte e Speranza “i tre tenori” e si osserva: “Se il nostro orizzonte di riferimento si limita all’avvocato del popolo e ad un microscopico gruppo come Leu, siamo davvero in braghe di tela…”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here