Sostenibilità, Testoni (ETicaNews): ‘Strumenti finanza non mancano, burocrazia frena’

Milano, 24 nov. – (Adnkronos) – “La finanza dispone di molteplici strumenti di intervento per tradurre i propri obiettivi di sostenibilità in un ambito che sia tangibile e concreto. Ma ci sono degli ostacoli, in particolare in Italia – spiega Luca Testoni, direttore ETicaNews e Esg Business Review, in occasione della presentazione del working paper ‘Finanza ESG e settore idrico’, realizzato da ETicaNews con il supporto di Gruppo Cap e Assolombarda – La risposta che emerge dalla ricerca è il riflesso di quanto avvenuto a Glasgow durante la Cop 26: esiste una volontà di investimento molto forte, la finanza è pronta ad investire nel settore idrico e comprende a pieno il valore del comparto. La volontà reciproca di comunicare si scontra con questi principali gap: l’incapacità di conoscere gli asset idrici italiani, essendo questi molto frazionati e la difficoltà regolatoria, poiché questi asset hanno una governance che spesso è di derivazione pubblica che rende molto difficile l’apertura del capitale verso l’esterno. Bisognerà quindi agire sulla riorganizzazione delle realtà dell’idrico – conclude il direttore di ETicaNews e Esg Business Review – o trovare altri strumenti che possano convivere con la governance complessa di alcune di queste aziende, quali per esempio le obbligazioni sostenibili (Green Bond)”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here