Strage Erba: pg Brescia, ‘criminalità estranea, illogica fuga da terrazzino o tetti’

Brescia, 1 mar. (Adnkronos) – Pensare che chi ha compiuto la strage di Erba sia scappato dai tetti o dal terrazzino di casa Castagna “è illogico”, così come non ha senso pensare che la criminalità organizzata abbia a che fare con il massacro dell’11 dicembre del 2006. Lo sostiene, nell’aula in cui è in corso il giudizio di revisione, il procuratore generale di Brescia Guido Rispoli. “Gli assassini sono mantidi di sangue e sono armati, la corte di via Diaz è già piena di persone e quindi la difesa ipotizza la fuga dall’alto”, ma “abbandona” la fuga dall’abbaino di casa Frigerio-Cherubini perché inverosimile, quindi si ritiene che la fuga viene effettuata dal terrazzino di casa Castagna “ma qui non c’è nulla: non una macchia di sangue” spiega il procuratore generale che mostra le immagini del terrazzino e di una pianta neppure spostata dai killer. “E’ un’offesa alla logica pensare che siano passati da quel terrazzino, su quella terrazza e su quella grondaia non è passato nessuno”.

Anche la pista ‘straniera’ non viene ritenuta credibile. “Si parla di un ‘palo’, si parla di tre extracomunitari fermi intorno alle 20.20 davanti a via Diaz, ma qualsiasi autore della strage non si sarebbe fermato in strada”, così come riconosciuto da tre gradi di giudizio che hanno riconosciuto la responsabilità di Olindo Romano e Rosa Bazzi, mentre le fiamme già divampavano nell’appartamento di Raffaella Castagna.

“E’ inverosimile pensare alla criminalità organizzata”, a una vendetta nei confronti di Azouz Marzouk, marito di Raffaella, con precedenti per spaccio. “Le armi utilizzate, la spranghetta e il coltello, non sono quelli che utilizzerebbe la criminalità” che ha proprie ‘regole’. “Per quale motivi uccidere donne e bambini? Questi sono ergastoli brutti. Perché uccidere Frigerio e Cherubini? La povera signora Frigerio viene inseguita per dare una lezione a Marzouk? Ma la logica dove la buttiamo?” si chiede il pg Rispoli che riporta anche un’intercettazione di Marzouk. “Dopo la strage dice che era ‘il momento migliore della sua vita’ e secondo quale logica si può pensare che la criminalità abbia agito e lui non sia terrorizzato?”.

ARTICOLI CORRELATI