UNIFORTUNATO. GLI ANIMALI NELLA DIMENSIONE DEL DIRITTO QUALI PROSPETTIVE?

Giovedì 16 (ore 15.00 Aula Magna UniFortunato) e venerdì 17 giugno (ore 9.00 Complesso San Vittorino) l’Università Giustino Fortunato organizzerà un Convegno di Studi sul tema Gli animali nella dimensione del diritto: quali prospettive?

La due giorni è stata organizzata dal Prof. Dario Buzzelli, titolare della Cattedra di Diritto Privato dell’Università Giustino Fortunato.

L’argomento è di grande attualità e interesse: la recente introduzione tra i principi fondamentali della nostra carta Costituzionale della tutela degli animali segna una nuova era del rapporto tra animali e diritto.

La riforma, afferma il Prof. Dario Buzzelli, “ha visto la luce dopo 30 anni ed ha un notevole valore. Ma essa deve essere ora tradotta in norme e regole interpretative che consentono l’individuazione dei modi e delle forme di tutela degli animali. Il compito spetta al Parlamento, all’Accademia e alla Giurisprudenza, chiamati ognuno per la propria parte a far sì che sia realizzata e garantita pienamente questa tutela”.

L’Università Giustino Fortunato è tra le primissime a muoversi in questa direzione: le due sessioni di studio hanno proprio l’obiettivo di provare a dare una riposta a questi interrogativi. Sono chiamati a questo difficile compito alcuni tra i più autorevoli studiosi ed esperti delle diverse materie interessate, come Enrico del Prato, ordinario di diritto civile nell’Università La Sapienza di Roma, Pasquale Femia, ordinario di diritto privato nell’Università degli studi di Salerno, Cristiano Cupelli, ordinario di diritto privato nell’Università Tor Vergata di Roma,Francesca Rescigno, professoressa di diritto pubblico nell’Università di Bologna, Attilio Pisanò, ordinario di filosofia del diritto nell’Università del Salento, Antonio Fuccillo, ordinario di diritto ecclesiastico e interculturale nell’Università della Campania L. Vanvitelli, Giuseppe Cricenti, Giudice della Corte Suprema di Cassazione.

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here