Benevento; Inzaghi, il risultato è bugiardo.

'Venire qui, fare dieci tiri in porta: mi tengo la prestazione'

“Venire qui, fare dieci tiri in porta e prendere dei gol così… devo dire che la squadra è stata molto brava. Il risultato è bugiardo, però mi tengo la prestazione. Per una neopromossa giocare una partita del genere è una grande soddisfazione”. Così Pippo Inzaghi, dai microfoni di Sky Sport dopo la sconfitta per 5-2 contro la Roma. Ma il Benevento è una squadra da Serie A? “Siamo ancora un po’ inesperti e lo paghiamo – risponde il tecnico della squadra sannita -. Avere questa mentalità in un campo così difficile però è quello che voglio. Poi qui 99 volte su 100 la perdi, quindi preferisco giocarmela. Se vogliamo salvarci dovremo avere questo spirito”. Sul gol del 2-1, Inzaghi dice che preferisce “parlare del rigore. Il mio portiere dice che ha preso la palla, io non capisco solo perché gli arbitri non la vanno a rivedere. Se prende la palla per me finisce lì, cosa deve fare il portiere? Se il nostro è uguale vuol dire che neanche quello era rigore. Sono simili, però l’unica cosa è che si potrebbero andare a vedere”. Sulla filosofia di gioco del Benevento, il tecnico chiarisce che “non è cambiata. Io cerco sempre di capire che giocatori ho: non ho mai cambiato. Ora ho una squadra che può fare dei gol e se mi difendo in area in Serie A gol lo prendo sempre”. “Non mi voglio snaturare, questa mentalità è l’unica speranza per salvarmi – sottolinea -. Certo però che era più facile giocare che allenare”.

 


(ANSA)

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here