Calcio. Beffa Benevento, per Parma il pari nel finale.

Non bastano le reti di Glik e Ionita per i padroni di casa del Benevento. Nell’assalto decisivo gli ospiti del Parma trovano il gol speranza per la permanenza in serie A, obiettivo ora rallentato per i sanniti. Sceglie la strada del 3-5-2 Pippo Inzaghi, riproponendo il modulo e l’attacco già visti nel trionfo con la Juventus. Rientra Depaoli dall’infortunio sulla corsia di destra e torna Glik al centro della difesa, con Improta preferito a Foulon sulla sinistra. D’Aversa recupera Gervinho: subito titolare l’ivoriano, con Man e Pellè a completare il reparto avanzato. Kucka e Hernani nel centrocampo a tre con Brugman in regia e Cornelius dalla panchina con Mihaila e Kurtic.

Uno scontro salvezza al Vigorito, dai ritmi lenti e con tanta tensione. La prima occasione è degli ospiti: al 5′ cross di Gagliolo e colpo di testa di Pellè che finisce lontano dalla porta. Il Benevento si affaccia dalle parti di Sepe soltanto al 19′: ottima l’azione costruita da Hetemaj che arriva sul fondo e disegna il cross per Gaich, ma Osorio libera bene l’area e innesca il contropiede poi fallito da Gervinho. Prove di vantaggio per la Strega che 4′ più tardi può già esultare: punizione sulla trequarti del Parma per Schiattarella, scarico per Hetemaj che trova Barba e sponda vincente per il colpo di Glik che vale l’1-0. Il finale di frazione è tutto dei giallorossi: prima Gaich impegna Sepe con un destro ad incrociare al 43′, poi Lapadula centra il portiere avversario dopo un’ottima triangolazione proprio con il compagno di reparto argentino.

Nell’intervallo D’Aversa cambia faccia al suo Parma: dentro Busi e Kurtic per la rimonta. L’avvio di secondo tempo degli ospiti è ottimo: prima Kurtic impegna Montipò, poi è lo stesso centrocampista a siglare il pareggio. Colpo di testa al 10′ di Bani, respinta del portiere giallorosso e tap-in vincente del 14 crociato. Parma che raddoppia dopo 5′: angolo di Hernani e colpo di testa vincente di Gagliolo, ma serve l’intervento del Var per annullare il momentaneo vantaggio degli ospiti, congelando il risultato sull’1-1. La sfida si accende e sempre di testa, al 22′, il Benevento passa: angolo di Caprari, appena entrato, e incornata di Ionita. Costruito il raddoppio, il Benevento arretra il baricentro ed attende le sfuriate del Parma, giocando in contropiede. Pelle, Gervinho e Busi non sortiscono l’effetto sperato, ma il colpo decisivo arriva a pochi secondi dal triplice fischio: sponda di Cornelius e conclusione vincente di Man che fa 2-2.

IL TABELLINO
BENEVENTO (4-4-2):    2
Montipò; Depaoli (88′ Letizia), Tuia, Glik, Barba; Improta, Schiattarella, Hetemaj, Ionita; Lapadula (64′ Caprari), Gaich (80′ Di Serio).
A disp. Manfredini, Caldirola, Foulon, Tello, Viola, Dabo, Insigne, Sau, I. Falque.
All. Pippo Inzaghi

PARMA (4-3-3):    2
Sepe; Laurini (46′ Busi), Bani, Osorio, Gagliolo; Kucka (78′ Cornelius), Brugman (46′ Kurtic), Hernani (85′ Conti); Man, Pellé, Gervinho (78′ Mihaila).
a disp. Colombi, Grassi, Cyprien, Zagaritis, Bruno Alves, Dierckx, Camara.
All. Roberto D’Aversa.

ARBITRO: Davide Massa di Imperia
ASSISTENTI: Rodolfo Di Vuolo di Castellammare di stabia e Pasquale De Meo di Foggia
IV UOMO: Federico Dionisi de’ l’Aquila
VAR: Marco Di Bello di Brindisi
A-VAR: Stefano Del Giovane di Albano Laziale

RETI: 23′ Glik (B), 56′ Kurtic (P), 67′ Ionita (B), 89′ Man (P)
ANGOLI: Bn 3 – Pr 3
AMMONITI: 48′ Bani (P), 76′ Hetemaj (B), 84′ Di Serio (B)
FALLI COMMESSI: Bn 19 – Pr 19
FUORIGIOCO: Bn 0 – Pr 2
RECUPERO: 2′ pt – 5′ st

(ANSA).

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here