Decalogo dello Sportello Comunale dei consumatori sui saldi

 

 Così inizia la nota dello Sportello Comunale del consumatore utente, istituito dal Comune di Benevento attraverso gli assessorati alle attività produttive e alle politiche sociali.
Purtroppo si assiste al malcostume da parte di alcuni commercianti di riprezzare in eccesso il prezzo originale del prodotto per evidenziare sconti anche del 50-70%. Dietro questo fenomeno c’è una violazione della legge e il tentativo di raggirare il consumatore con l’illusione di fare un grande affare.
Dallo Sportello fanno sapere che, durante il periodo dei saldi, il cambio dei capi è a discrezione del commerciante, dietro presentazione dello scontrino fiscale e tale consuetudine vige anche al di fuori dei saldi. Si consiglia quindi, prima di acquistare un capo, di accordarsi col commerciante. Diverso è invece il caso di un prodotto difettato o non conforme: il cambio è un diritto del consumatore. Sempre dietro esibizione dello scontrino d’acquisto, in caso di prodotto difettoso il commerciante è tenuto a provvedere alla sua sostituzione o in mancanza ad emettere un buono d’acquisto di importo corrispondente spendibile per un periodo da concordare.
Così è anche in caso di prodotto non conforme (ad esempio un maglione venduto come di pura lana che invece è di misto lana). Il commerciante è tenuto a fornire il bene come richiesto, descritto, reclamizzato e ai sensi del D.lgs. 24/02 a riparare o sostituire il capo oppure a ridurre il prezzo o restituire quanto pagato. Nel caso di comportamenti scorretti dei commercianti
l’Autorità competente per fare segnalazioni in merito è la Polizia Municipale di Benevento. Le segnalazioni possono anche essere indirizzate allo Sportello Comunale che provvederà alla dovuta assistenza e segnalazione alle competenti autorità. Lo Sportello Comunale del consumatore-utente ha realizzato a riguardo un vero e proprio
Vademecum per non cadere vittima di tranelli durante lo shopping scontato,che tutti i cittadini possono ritirare presso la sede sita in via Traiano Boccalini. In dettaglio tale vademecum da alcuni consigli utili come ad esempio:

  1. Sull’oggetto in saldo deve essere sempre riportato il prezzo d’origine non scontato, la percentuale di sconto applicata e il prezzo finale.

  2. È meglio diffidare di quei negozi che espongono cartelli con sconti esagerati e fare riferimento a negozi già conosciuti per acquistare la merce in saldo: sconti superiori al 30-40 per cento nascondono spesso merce non proprio nuova.

  3. Confrontare i prezzi con quelli di altri negozi, magari annotando il prezzo di un capo o della merce a cui si è interessati.

  4. Diffidare dei capi di abbigliamento che possono essere solo guardati e non provati, anche se è a discrezione del commerciante consentire o meno di fare provare la merce.

  5. Chi vuol fare regali faccia attenzione perché si può cambiare solo ed esclusivamente la merce difettosa che deve essere riconsegnata al commerciante entro 2 mesi dalla scoperta del difetto (non si può sostituire la merce se avete cambiato idea sul colore o sul modello).

  6. E’ bene conservare sempre lo scontrino per potere eventualmente cambiare la merce difettosa.

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here