Freddo e temporali in arrivo, le previsioni da lunedì 15 marzo

Ci attende una domenica di cambiamento sul fronte meteorologico con l’arrivo di venti più freddi ed anche di temporali al Centro-Sud.
Vediamo dunque più nel dettaglio cosa ci aspetta per questa seconda domenica di Marzo.

Già dalle prime ore del mattino un fronte d’aria fredda si addosserà all’Arco alpino provocando alcune nevicate fino a quote molto basse specie sui versanti di confine. Nubi e qualche piovasco inoltre potranno interessare le estreme aree del Nordest segnatamente i comparti più orientali del Friuli Venezia Giulia dove tuttavia la situazione tenderà a gradualmente a migliorare nel corso della giornata.
Sul resto del Paese avremo maggiori schiarite sul Nordovest e qualche nube irregolare sulle regioni centromeridionali. Da segnalare inoltre un primo e deciso rinforzo del Maestrale ad iniziare dal medio ed alto Tirreno.

Sarà questo il preludio ad un pomeriggio decisamente più agitato. Nonostante sulle regioni settentrionali il tempo si manterrà asciutto a tratti pure soleggiato, le cose andranno diversamente per le regioni del Centro-Sud dove, oltre ad un generale ed ulteriore rinforzo del vento , ci attendiamo un severo peggioramento del meteo. Nubi, piogge sparse e locali temporali inizieranno ad interessare la Toscana, le Marchel’Umbria e col passare delle ore il Lazio, la Campania fino alla Calabria tirrenica.
Stante la presenza di aria più fredda soprattutto in quota, tornerà a cadere le neve sui rilievi appenninici. Su quelli centrali potrà scendere intorno ai 1100/1200m di quota, più in alto invece sui monti lazialicampani calabresi.

Arriviamo così a fine giornata quando il meteo sarà ancora condizionato dai forti venti di Maestrale che manterranno sempre attive condizioni di spiccata instabilità atmosferica. Piogge e locali temporali si andranno a concentrare soprattutto su Abruzzo, Molise, nord della Puglia (Gargano) e ancora una volta su CampaniaCalabria tirrenica fino al nord della Sicilia. Attenzione inoltre alla neve che potrebbe scendere localmente sotto i 1000m.
Sul resto del Paese il quadro meteorologico si manterrà decisamente più asciutto fatta eccezione per qualche residuo piovasco nelle aree più interne laziali.

In seguito, nel corso della notte, insisteranno i forti venti di Maestrale e l’instabilità atmosferica al Sud, a conferma di un inizio di settimana caratterizzata da un’atmosfera assai ventosa e al tempo stesso sicuramente più frizzante su gran parte del Paese.

ilmeteo.it

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here