Il M5S sui ritardi del depuratore a Benevento.

“Uno studio di fattibilità non si nega a nessuno”, verrebbe da dire a proposito del sito in cui collocare il depuratore del Comune di Benevento per il quale, è bene ribadire, l’allora Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, destinò la sostanziosa cifra di 18.393.000 euro.

Da notizie recenti, infatti, è stato affidato all’Ente Idrico Campano il compito di effettuare uno studio di fattibilità sulla eventualità di realizzare l’impianto di depurazione, che dovrebbe servire la nostra città, nei pressi della nuova stazione di Vitulano.

Così, dopo aver evitato la collocazione inizialmente prevista nella zona di Santa Clementina, che ricordiamo essere area di rilevante interesse archeologico, è stata poi abbandonata l’idea di installarlo a Sant’Angelo a Piesco, altra zona di rilievo naturalistico (in questo caso lo studio fu direttamente affidato alla GESESA, con tanto di beneplacito del Commissario straordinario per la depurazione).

Si è addivenuti, finalmente, alla scelta che era quella indicata da anni dal Coordinamento delle Associazioni ambientaliste.

Questa ultima opzione non può che cogliere il nostro riscontro positivo, ma riteniamo che sia stato perso fin troppo tempo prima che a Palazzo Mosti si ricevessero le indicazioni di chi ha veramente a cuore le sorti ambientali della nostra città.

Nel frattempo, lo Stato continua a pagare all’Europa una gran quantità di soldi, dovuti a sanzioni causate dalla mancanza di depuratori, e Benevento, almeno in questo, è in prima linea.

È evidente che i tempi di “taglio del nastro” si allontanano sempre più.

 

Le Consigliere del M5S al Comune di Benevento

Anna Maria MOLLICA  Marianna FARESE

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here