LA GESTIONE DEL DOLORE PER IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE.

La sala conferenze dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Benevento ha ospitato sabato mattina l’incontro dedicato al progetto “PAIN – LESS 2.0”, la gestione del paziente con dolore a 360°: approccio sinergico “territorio-ospedale-territorio” e la rete delle cure domiciliari.

La definizione ufficiale di dolore è stata delineata dalla International Association for the Study of Pain che nel 2020 la descrive come “un’esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole associata a un danno tessutale potenziale o in atto”.

Il dolore è stato, peraltro, classificato in molteplici tipologie.

Il dolore è il sintomo che maggiormente influisce sulla qualità di vita del paziente, indipendentemente dalla patologia da cui è affetto. Il ruolo dello specialista, dall’ortopedico al fisiatra, è importante per aiutare a disegnare una percezione del dolore moderna e sostenibile. E’ necessario, quindi, che il medico di medicina generale sia in possesso delle conoscenze e delle competenze per poter garantire intervento ed assistenza in campo di terapia del dolore.

Il progetto, come è stato illustrato nel corso dell’incontro, si pone l’obiettivo di approfondire le conoscenze riguardanti l’approccio al tema del dolore, attraverso il confronto tra specialisti e medici di medicina generale sulla gestione quotidiana dei pazienti.

Protagonisti della giornata che ha riscosso un grande interesse sono stati i dottori Luca Milano, Vincenzo Palmieri e Fabio Vedani.

ARTICOLI CORRELATI