Civico 22:”I cittadini non dormono. Troppe lacune dell’amministrazione Mastella”


Mentre il sindaco uscente sembra essere stato folgorato sulla via di Damasco e parla di Green economy per i suoi programmi futuri, dopo cinque anni in cui la città è sprofondata nell’incuria del verde e nel degrado della sporcizia dei quartieri e di abbandono nelle contrade, i cittadini di Benevento hanno acquisito maggiore consapevolezza ed  hanno imparato a difendersi.

 

L’Anac, Autorità Nazionale Anti Corruzione, ha bloccato lo scempio del palazzo da costruire nell’attuale Terminal autobus grazie ad un “banalissimo” rilievo: l’affidamento alla Lumode non rispettava i criteri del Project financing. Che significa: la Lumode prendeva molto di più di quello che dava.

L’Anac è stata sollecitata ad intervenire da un’Associazione civica, Altrabenevento: senza quella segnalazione, il palazzone sarebbe già in fase di lavorazione.

Ieri alcuni attivisti di Civico22 ci hanno segnalato, con tanto di reportage fotografico, che:

– in via dei Mulini, un vecchio mulino del  1600 è stato aggredito dalle ruspe, in oltraggio al PUC che prevedeva per quell’edificio un restauro conservativo:

– Attilio Paradiso ha manifestato da solo davanti alla Prefettura per lo scempio in cui si trova la sua strada, uno scempio che denuncia da anni;

– Gino Ventura ha inviato foto esplicative di come sia stata rovinata la pista ciclabile in cinque anni di abbandono senza alcun interesse dell’amministrazione comunale  su questa infrastruttura:

– un gruppo di cittadini ha inviato a Civico22 un reportage di foto del retro di Villa dei Papi che da una parte fa rabbrividire e dall’altra fa ironicamente sorridere.

L’amministrazione comunale uscente intanto crede che facendo “inaugurazioni con foto” di ogni tipo i cittadini siano così distratti da non accorgersi – come la mamma di un adolescente disordinato – che dietro il taglio del nastro in realtà c’è un armadio di incompiute e atti confusionari.

– durante il nostro primo “Viaggio in Città” in Camper  i cittadini ci hanno fatto vedere quanta sporcizia è nascosta dietro i cordoli in cemento della piazzetta  pubblica dove ha sede il ristorante  “Gino e Pina”.

Per non parlare del rapporto dell’Agenzia Europea Ambiente che colloca Benevento al posto 282, su 323, per qualità dell’aria.

 

Se c’è un “partito” – cioè l’espressione di una “parte” politicamente attiva nella difesa di un interesse collettivo – che dovrebbe poter vincere le prossime elezioni comunali è proprio quello dei “Cittadini uniti contro il degrado”.

Sarà per questo che il sindaco uscente parla ora di “futuro verde” e di tante altre azioni future mai pensate in cinque anni e che ora sentiamo pronunciare con un suono posticcio e impomatato.

Incontrando la città abbiamo l’impressione che le persone non ci caschino più.

 

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here