Liceo Artistico Virgilio. Incontro con l’autrice Blessing Okoedion e Mariaelena Morelli.

 

In occasione della giornata dedicata alla lotta contro la violenza sulle donne, gli studenti del Liceo Artistico “Virgilio” di Benevento saranno impegnati in una serie di iniziative nell’ambito del progetto “Colori e Parole”, a cura delle docenti Maria Collina, Antonietta Santoro, Veronica Russo, Patrizia Giordano, Lorella De Lucia. In particolare, mercoledì 24 novembre p.v. presso l’Aula Magna del Liceo Artistico Virgilio, in via Tiengo, si terrà un incontro con l’attivista Blessing Okoedion, autrice del libro-testimonianza “Il coraggio della libertà”, in cui racconta la drammatica esperienza della tratta. Ad accompagnarla nel suo racconto ci sarà anche la psicoterapeuta dott.ssa Mariaelena Morelli, Coordinatrice Generale Area SAI e Anti-Tratta del Consorzio Sale della Terra, che interverrà per presentare agli studenti il fenomeno della schiavitù femminile. Gli incontri, introdotti dalla vice-preside prof.ssa Edelweiss Bonelli, saranno scanditi dalla presentazione dei lavori e dalle presentazioni degli studenti, seguiti da una performance della classe VB ispirata al tema della violenza sulle donne coordinata dalla prof.ssa Rosaria Morganella, che ha curato anche gli allestimenti scenografici, e da una coreografia delle alunne a cura dalle docenti Giuseppina Vessichelli e Maddalena Caruso.

Inoltre, gli studenti animeranno l’incontro con letture tratte dal libro letto in classe, con poesie e lavori ispirati ad un tema tanto difficile quanto attuale e con fumetti e tavole pittoriche realizzate in collaborazione con i docenti d’arte, Biagio Maio, Lorenzo Caporaso e Maria Grazia Campanelli.

BLESSING OKOEDION è una voce ispiratrice nella lotta contro la schiavitù moderna. Attraverso il suo lavoro di mediazione culturale, insieme alle  esperienze vissute personalmente, oggi è attivamente impegnata a lottare contro la tratta di persone e diffondere maggiore consapevolezza sul dramma della schiavitù contemporanea.

Blessing è nata in un piccolo villaggio situato nella parte meridionale della Nigeria; si è laureata all’Università Ambrose Alli in Informatica.

È stata trafficata verso l’Italia nel 2013 ed è stata in grado di segnalare immediatamente i suoi trafficanti alle forze dell’ordine. Attribuisce questo suo coraggio alla sua istruzione e alla sua fede in Dio. Per questo oggi è una appassionata sostenitrice dell’educazione di bambine e ragazze specialmente di quelle che vivono nelle zone rurali e che sono sempre potenziali bersagli dei trafficanti.

Ha pubblicato un libro “Il coraggio della libertà” (Ed. Paoline, 2017), scritto con la giornalista italiana Anna Pozzi, per raccontare la sua storia e far luce su questa ripugnante pratica.

È stata onorata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti come “Eroe contro la tratta”, in occasione della cerimonia di lancio del Rapporto sulla tratta di persone 2018 a Washington, D.C «per il suo straordinario coraggio nell’utilizzare la sua esperienza vissuta per prevenire la tratta di esseri umani; per i suoi sforzi altruistici per assistere i sopravvissuti e dare una mano a coloro che sono ancora sottoposti a questo crimine; e per il suo incrollabile sostegno a coloro che hanno bisogno di maggiore protezione, i gruppi vulnerabili e le vittime della tratta in Italia e Nigeria».

 

WEAVERS OF HOPE  è un’organizzazione no-profit fondata da un gruppo appassionato di donne provenienti dalla Nigeria (e da altri Paesi dell’Africa occidentale) che vivono in Italia e cercano di rafforzare e amplificare le voci di altre donne nella lotta contro la tratta di esseri umani e l’ingiustizia sociale. Sono madri, sorelle, figlie e leader di comunità. Sopravvissute alla tratta e alla riduzione in schiavitù per sfruttamento sessuale e servitù domestica e lavorativa, hanno saputo superare le esperienze traumatiche del passato e trasformare le loro vite, facendone una forza generatrice di percorsi di riscatto. Decise a ricostruire sogni infranti e a tessere nuove speranze.

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here