Pesante sconfitta per il Torrecuso. 3-0 a Nardò

C’è appena il tempo di iniziare la gara e di sistemarsi che, al minuto 8, il Nardò passa in vantaggio: Montinaro recupera palla in area ospite, si gira e calcia in porta. La palla viene deviata da un difensore, cambia traiettoria e beffa Gravagnone per il vantaggio dei padroni di casa. Due minuti dopo il Nardò sfiora anche il raddoppio con Presicce ma la sua conclusione dal limite termina di poco fuori. Il Torrecuso si scuote e colleziona due nitide palle gol. Al 18′ ci prova Vitelli di testa ma Cassano è attento e devia in angolo con buon tempismo. 60” dopo è ancora Vitelli a sprecare da buona posizione su imbeccata di Terracciano. Al 21′ l’episodio che cambia la partita e la mette su un binario decisamente favorevole per i pugliesi: Terracciano prova a rientrare su Prinari e l’arbitro vede una gomitata del difensore sannita ai danni del calciatore avversario. Cartellino rosso per Terracciano e Torrecuso in 10 per i rimanenti 70 minuti di gara. Il Torrecuso, sul momento, pare non accusare il colpo e alla mezzora ha una buona occasione per siglare il pari con Vesce che, dopo un triangolo con Pastore, però, manda alto. Al 37′ il Nardò va vicino alla seconda rete: Malcore scatta al limite del fuorigioco e arrivato in area va al tiro ma Gravagnone fa buona guardia e blocca. Al 40′ il gol che chiude, in pratica, la partita: Palmisano crossa dalla destra, la difesa rossoblù si dimentica di Malcore e questi, indisturbato, batte per la seconda volta Gravagnone con un bel tiro al volo. Al riposo si va dunque con i padroni di casa avanti 2-0 e con un uomo in più. Il Nardò ritorna in campo per controllare la gara non rinunciando a pungere gli avversari. Al 7′ ci prova Palmisano dal limite ma Gravagnone blocca senza problemi. AL 17” il Torrecuso resta addirittura in 9 uomini: Impagliazzo si prende due gialli nel giro di mezzo minuto e viene mandato anche lui anzitempo sotto la doccia. Anche in questo caso ci sono le proteste dei calciatori del Torrecuso che non capiscono le motivazioni dei due gialli elargiti dall’arbitro nei confronti del compagno. Il Nardò, con l’avversario in 9 uomini, ha vita ancora più facile e al 27′ sfiora la terza rete con Presicce che va al tiro dopo una serpentina in mezzo ai difensori ospiti ma Gravagnone devia in corner. Al 39′ il gol del definitivo 3-0 messo a segno da Facecchia con una conclusione dal cuore dell’area. Anche in questo caso veementi proteste di capitan Pastore per un netto fallo di Facecchia su Di Lullo che ha poi perso il pallone messo in rete dall’attaccante pugliese. Dopo il terzo gol non succede più nulla e il punteggio resta di 3-0 per il Nardò.

ARTICOLI CORRELATI