Sorrento, il tecnico Cioffi: “Sconfitta immeritata, ma siamo in emergenza”

Renato Cioffi si presenta nella sala stampa dello stadio Degli Ulivi di Andria davvero scuro in volto, e nelle sue parole permane ancora l’incredulità per una sconfitta rocambolesca maturata solo al 94′, quando il pari sembrava l’esito più scontato di un match che ha, in ogni caso, divertito gli spettatori presenti, con un’Andria arrembante e spettacolare nella ripresa al cospetto di un Sorrento in affanno, che pure nel primo tempo aveva sfoggiato il piglio della capolista. Così esordisce il tecnico rossonero: “Non meritavamo assolutamente la sconfitta perchè, se è vero che l’Andria ci ha messo sotto pressione nel secondo tempo, è anche lampante che grandi pericoli non ne abbiamo mai corsi. Anzi, le occasioni migliori le abbiamo avute noi, penso a quella di Rastelli nel primo tempo e alla splendida azione personale di Ripa poco prima della loro rete. Il calcio è davvero strano ed imprevedibile, oggi abbiamo peccato solo di ingenuità, ma sulla prestazione non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi, abbiamo combattuto fino alla fine”. Gli viene chiesto se la sua squadra non stia vivendo una fase involutiva dal punto di vista del gioco e dei risultati, ma il giovane condottiero rossonero smussa con decisione e fermezza qualsiasi dubbio in proposito: “Non vedo assolutamente grandi problemi, a Gela meritavamo la vittoria, penso ancora ai due legni colpiti, e a Barcellona con l’Igea abbiamo tenuto bene la partita, domenica scorsa con il Cassino dovevamo solo chiudere prima la pratica. L’unico problematica, in questo momento, è legata ai tanti infortuni che stiamo subendo. Ruotolo oggi non c’era e non so quando sarà recuperabile, stesso discorso per Marciano che ho dovuto sostituire per uno stiramento. Addirittura ho dovuto tenere in campo Ottobre che ha resistito fino all’ultimo minuto pur non essendo in perfetta forma. Se poi ci mettiamo che domenica prossima avremo Pezzella e Maiorano squalificati la situazione non è confortante, purtroppo è un periodo che ci gira tutto storto”.

ARTICOLI CORRELATI