COVID: SINDACO-MEDICO, ‘SERVE LOCKDOWN, ASSISTENZA SANITARIA NON PIU’ GARANTITA’

ICC ISTITUTO CLINICO CASALPALOCCO COVID 3 REPARTO TERAPIA INTENSIVA COVID3 HOSPITAL EMERGENZA CORONAVIRUS CORONA VIRUS COVID19 PERSONALE MEDICO SANITARIO MEDICI DOTTORE DOTTORI IN ABBIGLIAMENTO PROTETTIVO STERILE MONOUSO TUTA TUTE PROTETTIVE STERILI STRUTTURA SANITARIA ASSISTENZA

“Urge un nuovo e serio lockdown perché, al momento, l’assistenza sanitaria non è più garantita”. Lo ha scritto nella tarda serata di ieri in un post su Facebook il sindaco di Calvi
Risorta (Caserta), Giovanni Lombardi, medico anestesista-rianimatore dell’Azienda ospedaliera dei Colli di Napoli.

Il post, spiega Lombardi, è stato pubblicato al termine di “un turno di 12 ore nel pronto soccorso del Cotugno e da stamattina la centrale operativa regionale di smistamento non è riuscita a trovare né un posto di terapia intensiva né di sub-intensiva in nessun ospedale
della Campania. Questo significa che siamo costretti a lasciare pazienti critici in reparti non intensivistici per mancanza di posti letto.

La variante (soprattutto quella inglese) sembra essere più aggressiva ed in grado di colpire anche i giovani, i ventilatori scarseggiano e, per ridurre la pressione sugli ospedali, urge un nuovo e serio lockdown perché, al momento, l’assistenza sanitaria non è più
garantita”, conclude Lombardi.

Adnkronos

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here